Passa ai contenuti principali

Una ricerca naturale

Il mio prossimo lavoro fotografico, e il mio prossimo libro, saranno dedicati alla natura e ai paesaggi naturali. Per una volta niente ruderi e siti abbandonati (ma ci tornerò su successivamente!), qunato piuttosto alberi e cascate, torrenti e prati.

Questo lavoro, praticamente concluso, mi ha impegnato per molti anni (quasi dieci), ed è stato svolto in parallelo con gli altri. Non lavoro quasi mai a un progetto alla volta: trovo più interessante e creativo seguirne più di uno in contemporanea, in modo da evitare la "fissazione" su un tema, con tutti i problemi che una "monomania" può comportare. Inoltre si favorisce il passaggio delle idee da un progetto all'altro, e si mantiene desto l'entusiasmo.


Per fotografare la natura ho deciso - dopo qualche titubanza - di ricorrere al digitale e non all'analogico, sebbene sempre in bianco e nero. Credo che il digitale sia più adatto a realizzare fotografie "precise", che mostrino il soggetto senza l'intermediazione della pellicola. Inoltre la complessità del lavoro avrebbe richiesto un notevole sforzo organizzativo per lavorare su pellicola, oltre a una spesa assai maggiore: infatti le foto scattate sono state molte migliaia, e da queste ne ho tratto le quasi 700 su cui ora dovrò esercitare l'editing.

Trovo che l'analogico abbia un senso se "si vede" che la foto è analogica, altrimenti preferisco decisamente il digitale. E se per i progetti di un certo tipo la grana e le imperfezioni della pellicola sono ideali, per il progetto di fotografia naturalistica che avevo in mente non era affatto convincente.

Dopo varie prove ho insomma effettuato questa scelta, e ne sono molto contento.


Questo mi ha portato anche a riflettere sui motivi che mi fanno amare l'analogico, e anche su quelli che per certi lavori mi fanno preferire il digitale. In realtà è assolutamente possibile realizzare foto analogiche identiche a quelle digitali, cioè senza grana, molto dettagliate, insomma "leccate" e perfette. Indistinguibili.

Il punto è che a questo punto si pone la questione: a che pro? Perché spendere di più e affrontare molte più difficoltà se il risultato è quasi identico? Navigando nei forum online sembra che l'obiettivo che gli appassionati dell'analogico si sono dati sia quello di dimostrare che l'analogico sta alla pari - o è superiore - al digitale. Perciò è tutto un rincorrere obiettivi performanti, fotocamere ingombranti e di medio-grande formato, e così via. A me è sempre sembrato uno sforzo inutile, anche se è vero che al cuor non si comanda e quando c'è la passione si fanno anche cose apparentemente prive di senso.


Personalmente ho sempre amato l'analogico perché si vede la grana, la resa non è perfetta (a volte lascio anche qualche graffietto o altre imperfezioni), ricorrendo a fotocamere Lo-Fi o vintage si ottengono foto chiaramente imperfette, con i bordi di qualità scadente e o con forti vignettature. E col foro stenopeico, poi, si raggiunge il massimo del "non nitido", ma anche del fascino.

Il mio libro "Una Momentanea Eternità" è proprio tutto basato su questa indeterminatezza, connessa intimamente col tema del libro, il passato, la memoria, il tempo.

Ribaltando tutto, se si cerca di ottenere l'opposto, ecco che il digitale è - secondo me - assolutamente imbattibile. E' solo una questione di scelte, di gusti se vogliamo. Ma in fondo, ogni grande passione si basa su scelte che facciamo spesso senza alcuna logica!


NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…