Passa ai contenuti principali

Un progetto istantaneo (e molto Surrealista)

Sulla rivista surrealista "Minotaure" (dicembre 1933) vennero pubblicate alcune fotografie di Brassai intitolate "Sculputures Involontaires", realizzate in collaborazione con Dalì.

Si tratta di macrofotografie di "objects trouvè" nelle tasche dei pantaloni (biglietti del tram appallottolati, pezzetti di carta, ecc.) o nell'ambiente circostante (pasta dentifricia sul bordo di un lavandino, scaglie di sapone, mollichine di pane, e così via).

Insomma, secondo la logica dell'automatismo - tutta Surrealista - ognuno di noi crea a getto continuo delle piccole sculture e basta la fotocamera a scovarle e rivelarle al mondo. Un'operazione - con modalità diverse - ripresa anche dall'artista messicano Gabriel Orozco alla fine degli anni '90 e successivamente anche da altri artisti.

Qualche giorno fa mi trovavo a Roma per una visita medica e durante il tragitto dall'ospedale alla fermata dell'autobus - debitamente allungata per... motivi artistici! - ho ripensato a queste fotografie di Brassai e al concetto di fondo che volevano esprimere e mi sono detto: potrei realizzare un "progetto istantaneo" in questa mezz'ora o poco più che ho a disposizione?


Roma, lo sappiamo, ha grossi problemi con i rifiuti; a causa dell'inciviltà di molti cittadini e turisti, ci sono ovunque cartacce, buste di plastica, pacchetti di sigarette e altri scarti di vario genere, che ho sempre guardato con rabbia e disgusto. Ma ora mi si offriva l'occasione di guardarli e dunque vederli sotto una diversa luce.

I maleducati che arrotolano il biglietto della metro, il fazzoletto di carta con cui si sono appena soffiati il naso o lo scontrino del bar in cui hanno appena preso un caffé potrebbero essere degli "artisti involontari", creatori di installazioni e sculture lasciate "en plain air" per il godimento di noi spettatori passivi, complice l'inefficenza dell'AMA?


Perché non provare a vederla in questo modo? Avevo con me solo lo smartphone e così ho scattato con questo device le foto del progetto, alcune delle quali corredano il post, utilizzando il RAW ed effettuando una normale postproduzione con la conversione in bianco e nero.

Sai una cosa? Mi sono divertito un sacco, e soprattutto ho scoperto - o meglio, ho ancora una volta avuto conferma - che è il modo in cui un fotografo guarda alle cose a cambiare davvero le sue prospettive, a rivelargli mondi nascosti, a costringerlo a collocarsi in un diverso punto di vista, a non dare mai nulla per scontato.


Non che ora mi piaccia Roma sporca e piena di cartacce, tuttavia anche una cartaccia può avere la sua bellezza e i suoi significati nascosti. Sarebbe bello anche utilizzare un po' di "critichese" e fare una bella "recensione" di ciascuna di queste opere. Ci provo con questa immagine di un pacchetto di sigarette spiaccicato sull'asfalto e dissolto dalla pioggia.


"L'artista ci ha lasciato una traccia ontologica della sua percezione spaziale, che è come annullata nel cortocircuito temporale e spaziale, fino a rendere la sua opera l'alter ego di un desiderio inespresso, un algoritmo di sensazioni che si annullano nello spazio zero del nero catramoso, in un ambiente urbano dissolto dalla volontà narcisista di sfruttare le forze naturali, di metterle al proprio servizio, pur nella esiziale ricerca del nulla che avanza, della morte incipiente, dell'Heimat personale che diventa sguardo sul mondo, incompiuto e inconoscibile. Un'opera perfetta nella sua apparente imprescindibilità".

Capito niente? Perfetto, se una critica si capisce non è venuta bene!


Credo che farò altri "Progetti Istantanei": hanno molto da insegnare a noi fotografi, specialmente quelli come me che si imbarcano sempre in lavori che durano minimo tre-quattro anni e richiedono grandi sforzi mentali e logistici. A volte realizzare qualcosa nel breve volgere di una passeggiata è terapeutico...


NEWSLETTER

Commenti

  1. In effetti non ci avevo mai pensato di usufruire della maleducazione altrui. Mi verrebbe in mente, se potessi, di organizzare una mostra che documenti tutto questo. Magari qualcuno potrebbe recepire il messaggio e cambiare comportamento.
    Questo è un aspetto, mentre quello artistico mi affascina tantissimo.
    Sono le cose semplici quelle più ingegnose, e io amo la semplicità.

    RispondiElimina
  2. Tutto decisamente molto interessante

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…