Passa ai contenuti principali

La conquista dell'Himalaya, andata e (non) ritorno

Nel 1951 un giovane alpinista chiese alla FEX, una delle più note ditte produttrici di fotocamere in Francia ( in quegli anni), di sponsorizzare la sua impresa: raggiungere la vetta dell'Himalaya e, ovviamente, eseguire una completa documentazione fotografica del viaggio.

L'impresa fu portata a compimento con successo, e la FEX creò per l'occasione una versione speciale della sua fotocamera di maggior successo, la Ultra FEX, prodotta già dal 1947 (e sino al 1962). Invece della solita scritta "France", sul frontale venne scritto per l'occasione "Himalaya" e la scatola con cui veniva venduta era arricchita dalle foto scattate durante la salita alla vetta più alta del mondo. Una bella storia a lieto fine, no?

No, perché qualche tempo dopo l'alpinista volle ritentare l'impresa e stavolta gli andò male, dunque il suo corpo giace in qualche ghiacciaio sul tetto del mondo, con accanto la fidata FEX. Chissà che tra qualche anno, complice il riscaldamento globale, non la si possa recuperare.


La FEX appartiene a quella schiera di fotocamere in bachelite - non a caso spesso realizzate da ditte non specializzate in fotografia ma nella stampa di questa plastica, soprattutto utilizzata in campo elettrico come isolante - che ebbe grande successo, non solo in Francia, specialmente negli anni '50.

In quegli anni i nostri cugini d'oltralpe impazzivano per due fotocamere di questo tipo: la FEX, appunto, e la Photax. Io le possiedo entrambe e le utilizzo regolarmente. Molte delle foto presenti nel mio ultimo libro "Una Momentanea Eternità" sono appunto realizzate con la elegante e sciccosa coppia.

Entrambe - oltre alle linee vagamente Art Noveau - vantano il formato 6x9 cm e utilizzano rulli 620, non più disponibili sul mercato. Per fortuna la pellicola è la stessa del comune formato 120, solo bobinato su rocchetti più piccoli e sottili, dunque non è poi così complicato ribobinarlo all'occorrenza: basta avere una scorta adeguata di rocchetti 620!


La FEX ha solo due diaframmi (circa 11 e 16), e due tempi di scatto (1/25 e 1/100 di secondo), più la posa B. Per renderla più compatta, similmente alla Photax, l'obiettivo è rientrante. Quest'ultimo è composto da un semplice menisco, una lente singola, che per quanto di qualità non può fare miracoli. Per cercare di ottimizzare la qualità ai bordi, e ridurre la vignettatura, la pellicola viene tenuta curva.

I risultati? A me piacciono tantissimo. Al centro la qualità è più che discreta, ma i bordi perdono alla grande, in perfetto stile "Toy" camera. Resta tra l'altro il piacere di ottenere negativi davvero molto grandi, e non a caso i progettisti della FEX scelsero il 6x9: garantiva ovviamente una qualità migliore, e soprattutto si poteva facilmente stampare a contatto. La Ultra FEX era infatti destinata soprattutto a un pubblico di famiglie in vacanza, che volevano un oggetto semplice, ma in grado di regalare con facilità le stampine da appiccicare sull'album.

Commenti

  1. Fotocamere semplici ma dalla storia affascinante... Ho sentito che oltre alla tecnica di ribobinare la pellicola su rocchetti da 620, è possibile tagliare con una pinza da unghie parte dei bordi dei rocchetti da 120 per restringerli e farli entrare nelle macchine da 620. Ci sono dei video su youtu.be dove questa tecnica viene utilizzata per la kodak brownie hawkeye. Potrebbe funzionare anche con le Fex e le Photax?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in teoria, ma in pratica la dimensione del fusto del rocchetto 120 espone la pellicola ai rischi di piccole macchie di luce che penetrano dal bordo della carta, che arriva proprio a filo di quanto rimane del bordo di plastica. Inoltre occorre anche scartavetrare i dischetti tagliati, perché la lunghezza della bobina 120 è leggermente superiore al 620. Ne vale la pena? Direi di no, è più comodo e semplice acquistare due rocchetti 620!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…