Passa ai contenuti principali

Le ottiche vintage (su digitale)

Perché mai impiegare delle ottiche vintage su fotocamere digitali di ultima generazione? Che senso ha? Beh, per cercare di rispondere, cominciamo col vedere cosa si intende per "vintage". Normalmente gli obiettivi si considerano sufficientemente vecchi, al punto da essere comparati al buon vino invecchiato ("vintage" è un termine enologico), dopo vent'anni dalla loro uscita sul mercato. Il che significa che, ad oggi, parliamo al massimo del 1999.

Un 17 mm Vivitar (in realtà Tokina) montato su una Olympus Micro4/3 con un adattatore "booster" Viltrox

Onestamente, io credo che più ragionevolmente dovremmo considerare come veri "vintage" solo gli obiettivi pre-autofocus, oppure i primi AF usciti sul finire degli anni '80, ma ovviamente questa è una mia opinione.

Supportata però da una logica di fondo: che il motivo per cui molti amano utilizzare questo genere di ottiche è la sensazione "tattile" del metallo e della gomma, il piacere di una ghiera di messa a fuoco dalla corsa lunga e precisa e altre sottigliezze del genere

Presenti, sia chiaro, anche in alcuni obiettivi contemporanei di alta gamma (pensiamo agli Zeiss o ai Leica), ma che un tempo erano praticamente universali. 



Si resta sempre stupiti nel vedere come ottiche economiche, all'epoca considerate poco più che "fondi di bicchiere" (e io ne ho diverse) abbiano comunque una costruzione meccanica impeccabile, un peso importante e una dolcezza nella messa a fuoco che davvero rende piacevolissimo utilizzarle.

Gli obiettivi russi, ad esempio, o comunque quelli dell'Est Europa prima del crollo del muro di Berlino, sono in grado di regalare belle emozioni, anche se magari a volte la resa ottica è discutibile.

E qui veniamo al secondo aspetto della questione. Perché le ottiiche progettate per l'analogico in linea di principio non funzionano bene sul digitale: i sensori infatti non amano i raggi luminosi molto inclinati, e dunque le ottiche contemporanee sono ottimizzate per questo aspetto, quelle vecchie no; inoltre il trattamento antiriflesso delle lenti ha fatto passi da gigante, e obiettivi degli anni '60 o '70 (come certi AI di Nikon) non possono tenere il passo con le versioni moderne. 

Ci sono anche molti obiettivi con un solo strato antiriflesso e addirittura senza alcun trattamento, come quelli degli anni '30 e '40 e in parte degli anni '50. D'altra parte erano previsti soprattutto per il Bianco e Nero - allora imperante - e certi problemi, come l'aberrazione cromatica, non erano tenuti in grande considerazione.

Questi limiti e problemi, donano però alle ottiche "vintage" una loro forte personalità: sono i loro difetti ad attirare noi amanti del "Lo-Fi", il fatto che si possano ottenere immagini particolari, impossibili da realizzare anche con i software di postproduzione, ad esempio certe sfocature radiali, o il cosiddetto "swirling". Tutti difetti legati a una progettazione ottica fatta ancora, davvero, con carta e matita, visto che solo dagli anni '70 si è iniziato a usare il computer.

Dunque non si ricorre alle ottiche "vintage" per risparmiare, ma per scopi creativi, anche se a volte alcune di loro sono in grado di competere con quelle moderne. Ma son casi relativamente rari.

Ovviamente, quando parliamo di obiettivi di vent'anni fa, dunque moderni sebbene pre-digitali, l'aspetto economico può anche valere, specialmente per ottiche specializzate, come certi Macro (penso ad esempio ai 90 mm MF di Tamron e Tokina) o certi teleobiettivi (ricordo ancora con piacere il mio Sigma 400/5.6 APO), ancora in grado di dare belle soddisfazioni, specialmente se non se ne fa un uso estremo.

L'argomento è molto vasto e articolato, e certamente tornerò a parlarne. Intanto, se ti va, puoi ascoltare (e scaricare) il podcast su Spreaker che ho dedicato a questo argomento.






NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…