Passa ai contenuti principali

Da dove siamo partiti

Non so se anche a te capita di riandare con la memoria ai primi tempi in cui hai iniziato a fotografare seriamente. E sottolineo seriamente.

Da ragazzino già avevo la mia bella fotocamerina, una Closter a telemetro datami da mio padre, ma non scattavo seriamente, solo per gioco, a volte ottenendo dei risultati decenti, il più delle volte delle immagini orrende. Almeno per quel che ricordo.

Nel 1988 trovai finalmente i fondi per acquistare la mia prima vera reflex, una Olympus OM10 con Manual Adapter, Zuiko 50 mm e un 70-210 mm Naigon. Mi ricordo ancora la soddisfazione di usare quella piccola fotocamera, e l'idea che avrei potuto tirarne fuori delle foto decisamente buone. Cosa che regolarmente non avvenne.

Non c'era ancora il digitale, e la curva di apprendimento era lunga. Io poi scattavo in bianco e nero, sviluppavo e stampavo da me e i risultati erano - da ogni punto di vista - scarsi. Ma ero contento lo stesso, la classica gioia del fotografo che è innamorato della fotocamera, echisenefrega dei risultati.

Ma poi cresci (come età e fotograficamente parlando) e pian piano la fotocamera diventa solo un utile strumento, e inizi magari a sperimentare con altre tecniche strane, ad esempio la fotografia istantanea.

Ricordo che mi innamorai della Polaroid della serie SX70, quelle che potevi manipolare con una punta. Roba vecchia, visto che oggi lo fai facilmente con Photoshop ma - come si dice - era un'altra cosa. Di certo, costava molto di più!

Un giorno scoprii la Instax della Fuji. Aveva il vantaggio di costare meno, anche se non era manipolabile. Però permetteva comunque di sperimentare facilmente, potendo - come con la Polaroid - vedere subito i risultati (anche qui, col digitale, bla bla bla).

Ricordo che usavo filtri impropri e schermi vari per ottenere risultati "creativi". Proprio l'altro giorno ho ritrovato una delle foto di allora (anni '90) che ho riprodotto perché mi piace molto. E' la foto di una mia amica ripresa con una lente addizionale. Insomma, anche senza Photoshop ci si arrangiava.


Ma non mi piace mettermi a fare il nostalgico: viviamo in un periodo fantastico per la fotografia, peccato solo che quasi tutti siano presi da questo entusiasmo parossistico per le attrezzature di ripresa e assai meno per quello che se ne potrebbe ricavare. La tecnologia fa un po' questo effetto. Siccome puoi fare le cose in modo più facile, allora le fai. Senza nemmeno chiederti cosa davvero tu stia facendo.

Credo sia più o meno come il viaggiare. Un tempo, quando ci si spostava a dorso di mulo o in sella a un cavallo, anche solo andare nel paesello vicino era un viaggio, e ci si meditava un po' su prima di partire. Ma oggi sali in macchina e in poco tempo puoi fare centinaia di chilometri. Quindi, parti. Anche se in verità potresti anche non farlo, nel senso che non è una necessità. 

Con la fotografia è un po' così. Hai lo smartphone in tasca, perché mai non dovresti utilizzarlo per riprendere anche la sedia su cui sei seduto o il cornetto col cappuccino che ti stai godendo al bar? Già, perché?

Forse perché si banalizza la fotografia? Forse si, forse no. Si potrebbe dire che rispetto a una volta c'è più voglia di fotografare, ma non ci credo molto. Perché io me lo ricordo quanta cura mettevamo nello scattare una foto. Costava denaro e anche una certa fatica, se lavoravi in bianco e nero. Oggi non costa nulla e, come si dice? Quel che non costa un po' di impegno e fatica, non vale granché.

Tuttavia, penso pure che questo non sia un aspetto obbligato della fotografia digitale. E' infatti ovvio che si possono mettere infinito impegno (e tempo) nel realizzare una foto anche quando non hai a disposizione solo le 36 pose di un rullino o i 10 fotogrammi di una Instax. Bisogna solo recuperare un po' di sana lentezza, e un pizzico di pazienza...


NEWSLETTER


Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…