Passa ai contenuti principali

Ti presento Ben

C'è stato un tempo in cui, per lavoro (facevo il fotografo di viaggi), facevo lunghi spostamenti, spesso in treno, ma anche in auto. Qualche volta in aereo. Da allora molte cose sono cambiate nella mia vita, a cominciare dal fatto che le riviste di viaggi hanno chiuso quasi tutte. Ma soprattutto mi son reso conto che viaggiare non è un atto neutro. 

Non abbiamo ancora il teletrasporto stile Star Trek, e ogni spostamento ha un impatto, sia ambientale, sia di consumo di risorse, per non parlare degli animali uccisi perché investiti, delle morti per incidenti e così via.

Fotografia realizzata insieme a (e grazie a) Ben, utilizzando una Nikkormat EL e pellicola Rollei Retro 80

Insomma, ogni volta che vai da A a B, e un fotografo lo fa spesso, prendi una decisione che, come la mitica farfalla che provoca un uragano da qualche parte nel mondo, qualcuno prima o poi pagherà. 

Da quando mi sono trasferito nella Tuscia, dunque, i miei viaggi sono diventati sempre più a corto raggio, secondo la logica di Ansel Adams che viaggiare porta a foto superficiali - il più delle volte - e che solo tornando e ritornando in un luogo si può arrivare allo scatto significativo. Che è una bella lezione, se pensiamo che oggi se non fotografi le cascate di Iguazù o le megattere nella Repubblica Dominicana, non sei nessuno, e ci sono "Influencer" che girano costantemente il mondo, come se questo non avesse alcun impatto ambientale. 

Per tacere dell'inevitabile neocolonialismo vacanziero. Ma tant'è, ognuno è garante delle scelte che fa.

Per 13 anni ho dunque guidato la mia auto di piccola cilindrata, a metano, per le strade della Tuscia, collezionando quasi trecentomila chilometri. C'è qualcosa di magico in questo numero, in fondo è la velocità della luce in un secondo. E' un poco meno della distanza tra la Terra e la Luna (384.000 km).  Sono 23.000 km l'anno, una percorrenza standard, tenendo conto che il grosso l'ho fatto nei primi anni. Ma insomma, è quasi giunto il momento di dire addio alla mia "Punto" vecchio tipo, che oramai ha iniziato un processo di autodistruzione. Ne ha ben donde, in fondo.


Ma - mi sono chiesto - un fotografo non ha alternative all'auto? Deve per forza viaggiare in quella scatoletta e guardare il mondo come sullo schermo della TV, dietro un vetro? Avendo fotografato spesso pedalando in bicicletta già conoscevo alternative e così è arrivata Ben. 

So che il nome è maschile e invece una motocicletta è per definizione di genere femminile, ma fa niente: Ben sta per "Benelli" che è la marca della mia nuova moto di piccola cilindrata, che consuma pochissimo - parametro fondamentale - occupa pochissimo spazio, non va veloce (non ho fretta di arrivare), la parcheggi ovunque e soprattutto costa poco. Un mezzo ideale per girare e fare fotografie? 

Gli svantaggi sono evidenti: la pioggia, il freddo d'inverno e il sole d'estate, il poco spazio per stivare l'attrezzatura, il casco, il vestiario, e anche la pratica che manca e che sto cercando di recuperare dopo trent'anni che non portavo una moto. Sembrava più facile guidarla, in effetti.


Posso dire che molti di questi svantaggi sono anche dei vantaggi: da tempo ho ridotto le dimensioni della mia attrezzatura e dentro uno zaino riesco a far stare una mirrorless con due piccoli obiettivi e anche un paio di analogiche, più un treppiedi, poi non c'è alcuna separazione con l'ambiente circostante e se fa freddo, senti freddo, se fa caldo, senti caldo. Pronto a trasferire nelle tue foto quelle sensazioni sin da subito.

Confesso, qualche dubbio ancora ce l'ho, ma quando si fa una scelta, deve solo esistere la strada imboccata, i bivi è meglio dimenticarli. Tra qualche mese non avrò più l'auto e spero di aver fatto sufficiente pratica con "Ben" per iniziare un'intesa fotografica proficua, tutta a due ruote (bici e moto), nella consapevolezza di bruciare poca benzina e occupare il meno spazio possibile.

Non la propongo certo come scelta adatta a tutti. Ancora non so se è del tutto adatta a me! Semplicemente ci tenevo a sottolineare che la fotografia non inizia - e non termina - con la fotocamera, e che nel momento stesso in cui usciamo da casa per andare a fotografare, dovremmo chiederci se siamo - o ci sforziamo di essere - coerenti con le nostre convinzioni, idee o necessità. Poi ognuno troverà la soluzione più adatta, o quella meno "dolorosa".

Buon viaggio e buona luce, allora!

NEWSLETTER


Commenti

  1. Ottima scelta, da fotografo e uomo "consapevole" e saggio!

    RispondiElimina
  2. Scelta coraggiosa! Le motociclette le trovo troppo pericolose… Preferisco muovermi con la bici, certo che per spostarsi di centinaia di Km diventa un tantino problematico :-) !
    Ad ogni modo auguri per la nuova avventura !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…