Passa ai contenuti principali

Le regole sono importanti. Ma non quelle della composizione.

Da quel che mi ricordo - e fotografo da quando son bambino - la fotografia è quella cosa fatta di regole e regolette, rispettando le quali farai di certo "belle" foto. L'orizzonte dev'essere dritto, i soggetti vanno collocati secondo la regola dei terzi, non scattare controluce se non strettamente necessario, la luce buona è solo quella dell'alba e del tramonto, e così via, sai bene di cosa parlo.

Mi ci sono voluti quasi trent'anni per superare tutto questo, e cominciare a capire che non si può incasellare la creatività dentro regole rigide, accademiche, ma che ciò che conta è - come diceva Bill Brandt - solo il risultato. Del processo chissenefrega.

Ma poi ho capito che delle regole invece sono necessarie, e che non sono affatto quelle della composizione, ma quelle dettate dal tempo. Tutti noi vorremmo - nel vedere una potenziale immagine - essere istantaneamente pronti a scattare. Click, presa!


E invece il più delle volte dobbiamo seguire una procedura, che può essere accorciata, ma mai eliminata del tutto.

Se ho uno smartphone nel taschino, farò in tempo a prenderlo, avviare l'app della fotocamera, inquadrare e scattare, e così potrei fare avendo con me una piccola compatta, ma ci vuol poco a capire che comunque, se voglio ottenere qualcosa di valido, alcuni parametri minimi li dovrò regolare: il punto di messa a fuoco, l'esposizione (anche in automatico potrei decidere per una leggera sovra o sottoesposizione), l'inquadratura, stare attento agli ISO, al mosso, ai potenziali "accidenti" che potrebbero rovinare la foto.

Raramente una foto fatta "a vanvera" viene bene, e quando succede (a me è successo e scommetto anche a te) me lo ricordo, perché è cosa che capita davvero di rado.

Anche se non sei uno di quelli che ama la "ritualità" non puoi fare a meno di pensare che la fotografia sia un po' come la "cerimonia del Té" (Cha no yu) per un monaco Zen. Passi successivi, consapevoli, che portano a un risultato.

Prendere la fotocamera, decidere che ottica utilizzare, montarla, magari ricorrere a un treppiedi, comporre la scena, fare una lettura esposimetrica, fare le necessarie scelte tecniche e così - passo dopo passo - si arriva al fatidico click. Senza questo processo, senza questa ritualità, la foto non c'è, il più delle volte. O se c'è, è comunque poco valida.


E sarebbe un errore pensare che anche i fotografi di "Street" o i fotogiornalisti non operino in questo modo.

Lo fanno, semplicemente, a monte. Scelgono fotocamera e obiettivo (in genera grandangolare), impostano magari l'iperfocale (stile Cartier Bresson), fanno tutte le scelte necessarie (bianco e nero o colori, anche ai tempi del digitale, ISO alti o bassi, ecc.) e poi vanno per il mondo a cacciar fotografie. Ma non solo. Spesso esplorano i luoghi ancor prima di realizzare le foto, hanno ben in mente i punti adatti, le situazioni migliori, dove qualcosa potrebbe accadere. Tutto sembra casuale, e nulla lo è davvero.

Per quanto mi riguarda, mi son reso conto che è proprio questa ritualità che mi piace di più della fotografia. Mi piace preparare l'attrezzatura in vista di un'uscita, decidere come scattare, cosa cercherò di fare e mettere nello zaino ciò che potrà servirmi. Sul campo mi piace tirar fuori il treppiedi, montare i filtri, star lì a pensare, a pregustare lo scatto. Non dico che sia il sistema migliore, è semplicemente il mio, uno dei molti possibili.

Ma sono queste le "regole" inevitabili. E tanti fotografi nemmeno se ne rendono conto: tengono in grande considerazione le regole della composizione, e dimenticano quanto sia importante fare delle scelte consapevoli prima ancora di mettere l'occhio nel mirino o guardare il display.

Per questo ho sempre pensato che, laddove possibile, rallentare e fermarsi a pensare, e "perdersi a guardare" per dirla con Mimmo Jodice, sia la scuola fotografica migliore...



NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…