Passa ai contenuti principali

Light Painting negli ambienti chiusi (e non solo)

Con il termine "Light Painting" si intendono cose diverse, accomunate dal fatto che si scattano delle fotografie "dipingendo" la scena con luce.

Il genere più noto è quello che prevede di inserire delle luci che vengono mosse per creare grafismi interessanti. Genere molto amato perché, utilizzando diversi tipi di sorgente luminosa (dalle luci per gli alberi di Natale alla scintille create con la lana d'acciaio, dalle torce led a quelle laser), si possono ottenere effetti davvero molto intriganti.

Il digitale aiuta, perché si può vedere subito il risultato e ripetere la foto venuta male, ma la tecnica è in uso da molto tempo, basti pensare alle famose fotografie di Picasso che "dipinge con la luce realizzate" dal fotografo americano di origini albanesi Gjon Mili.


Personalmente ho praticato questa tecnica saltuariamente, anche se debbo dire che - a parte i "giochini" che se ne possono trarre  - offre di certo l'opportunità di creare immagini interessanti, come i tappeti di luce di Tokihiro Sato.


Come puoi osservare, Sato utilizza il light painting in modo decisamente originale, come autentica forma di espressione creativa e artistica.

Ma in questo post volevo più che altro parlare dell'altro light painting, quello più "letterale": il dipingere con la luce ambienti bui creando illuminazioni complesse partendo magari da un solo flash o da qualche lampada a led.

Trovo molto divertente questa tecnica, che oltretutto è indispensabile quando ci si trova in ambienti completamente bui come la grotta che sono andato ad esplorare qualche giorno fa con i miei amici Roberto e Andrea.

In una grotta, ovviamente, il buio è totale e per fotografare occorre portare con sé delle luci artificiali. Ovviamente compatte, visto che tutta l'attrezzatura deve entrare in un piccolo zaino.


La mancanza di luce rende possibile utilizzare tempi di scatto molto lunghi: mentre l'otturatore è aperto si "dipinge" letteralmente la scena che abbiamo di fronte. Nella foto sopra sono stati utilizzati due piccoli fari a led di quelli per riprese video: uno - che presenta una certa dominante verdastra - per illuminare l'ambiente sullo sfondo, e uno per pennellare l'ambiente principale. La differenza di tonalità aiuta a dare volume alla scena.

Durante la sessione fotografica ho anche utilizzato una torcia a led - di quelle zoom - che ha una luce decisamente fredda, anzi bluastra. La combinazione dei colori - fatto salvo l'effetto un po' "discoteca" - vivacizza l'immagine qui sotto.


C'è da dire che queste sono le versioni originarie - a colori - delle foto che però ho pensato in bianco e nero. Dunque non mi sono preoccupato di mantenere l'uniformità cromatica, lavorando appunto per la conversione in monocromatismo.


Se gli ambienti non sono troppo ampi e articolati, una sola sorgente di luce può ampiamente bastare per illuminare in modo abbastanza uniforme la fotografia, fermo restando che le differenze di illuminazione servono anche a dare volume.

Insomma, meglio evitare un'illuminazione troppo uniforme!


Naturalmente, a parte le lampade a led, che prediligo anche per la loro morbidezza e che oggi si acquistano a prezzi ragionevoli e sono compatte e potenti, si possono utilizzare anche i flash, meglio se dotati di un "trigger", un telecomando per comandarli a distanza.

Si può in tal caso far ricorso alla tecnica dell'open flash: si lascia aperto l'otturatore (10 o più secondi) e si illumina l'ambiente con una successione di lampi, in genere a piena potenza, ma stando attenti a non "bruciare" i primi piani. D'altra parte l'utilità del digitale anche in questo caso si dimostra evidente, e se si esagera, si può ripetere lo scatto.


Inutile aggiungere che la stessa tecnica vista qui si può utilizzare negli edifici (esempio grandi chiese poco illuminate) o anche all'aperto, di notte, per illuminare alberi, parti di paesaggio, monumenti. Ora che siamo in estate - insieme alle grotte dove la temperatura è sempre piacevole - è questo un genere fotografico di sicuro interesse!



NEWSLETTER

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…