Passa ai contenuti principali

I dubbi dell'autore, una riflessione dal particolare al generale

Già da un po' di giorni le copie del mio nuovo libro fotografico, "Una Momentanea eternità", sono arrivate. Guardare quelle scatole mi fa un effetto strano. 


Dopo cinque anni di fotografie, ripensamenti, nuove idee, cambi di rotta, passi indietro, migliaia di negativi sviluppati, dopo le ricerche e le riflessioni per scrivere i testi, ecco, ora tutto è lì dentro, tutto questo lungo lavoro ora ha un peso e un volume preciso. Strano, davvero.

E ovviamente a questo punto nascono i dubbi, che sempre accompagnano qualsiasi opera fotografica, breve o lunga, semplice o complessa che sia: avrò fatto davvero del mio meglio? E soprattutto: le persone comprenderanno il mio lavoro, lo apprezzeranno e - auspicabilmente - lo acquisteranno? 

In fondo si tratta di foto particolari: non soltanto analogiche, antispettacolari per così dire, ma anche in gran parte realizzate con fotocamere vintage di (relativamente) bassa qualità e vecchie di oltre mezzo secolo, o con fotocamere stenopeiche, e a volte su negativi di carta. Insomma, il pubblico capirà il senso della mia opera, o penserà solo che siano solo foto "poco nitide"?


Sono dubbi normali, che ogni autore avrà sempre, sia che il suo lavoro finisca in un libro, sui muri di una galleria o semplicemente online. Siamo nati per essere insicuri, anche quando siamo consapevoli di aver comunque fatto (e dato) il massimo. Anzi, proprio per questo. Infatti se, dopo aver fatto il meglio possibile il progetto viene accolto male, significa che il nostro "massimo" non è poi così buono. E difficilmente potremo fare di meglio: almeno questo è quel che pensiamo, anche se non è del tutto vero.

I dubbi più dolorosi sono ovviamente quelli in merito alle immagine scelte. Nel mio caso, di quasi un migliaio di foto selezionate dalle oltre 8000 realizzate (ma molte son finite subito nel cestino, sia chiaro) ne sono state pubblicate 130. 

Ovvio che tante delle mie preferite siano rimaste escluse. Ogni fotografo sa quanto doloroso sia l'editing - anzi il "culling", l'abbattimento, come viene definita la prima cernita - non solo e non tanto perché si lasciano fuori fotografie a cui si tiene, ma anche perché si sa benissimo che ogni scelta fatta è opinabile, che potevano essere fatte decine di scelte diverse, alternative, forse altrettanto valide, se non di più. 

E dunque si finisce per chiedersi: avrò davvero messo le foto più efficaci? Le avrò davvero organizzate in modo che l'insieme funzioni?



Non c'è modo di saperlo, e non è detto che le risposte del pubblico siano significative: il libro (o la mostra, o la condivisione online) possono aver successo anche se le foto non sono affatto buone e viceversa un lavoro strepitoso può essere accolto con grande freddezza.

Chi non ricorda, tra gli appassionati, che "The Americans", il libro fondamentale di Robert Franck, all'inizio venne largamente snobbato, tranne poi diventare uno dei libri fotografici più amati e imitati?

Dunque non c'è verso: occorre che le risposte arrivino da noi stessi, dalla nostra onestà intellettuale e anche dalle nostre emozioni e sensazioni. Sinceramente, quando ho ricevuto la copia-bozza del mio libro me ne sono subito innamorato. Mi sono detto: a me piace, dunque vale. Se gli altri non lo apprezzeranno mi dispiacerà moltissimo, ma non cambia la mia idea di aver lavorato a un progetto che merita.

Ti consiglio di fare altrettanto. Mettici tutto te stesso, non essere superficiale e distratto quando scatti le foto, non effettuare l'editing con la mente annoiata e la fretta di toglierti una gran rottura di scatole.

Anche se il tuo lavoro è composto da sole dieci foto, cerca di fare in modo che siano le dieci foto più belle e interessanti che sei in grado di realizzare. Poi mandale nel mondo con la consapevolezza che ben ti rappresenteranno, anche se saranno accolte da commenti pessimi.

Non è facile, il cuore e l'anima di un artista sono tutt'altro che infrangibili, ma non c'è altro modo. Le tue foto, se valide davvero, alla fine ti difenderanno. Col tempo, con la pazienza.



NEWSLETTER

Commenti

  1. Non vedo l'ora di ricevere il libro, non l'ho ancora in mano ma so già che mi piacerà, gli do un giudizio preventivo sulla fiducia. In un mondo che ormai si muove sempre più veloce e sempre più "digitale", un ritorno alle origini, alle vecchie, collaudate e immortali tecniche fotografiche, con un prodotto artistico quale certamente sarà il tuo, non può che essere un'opera meritoria, una riscoperta della lentezza, della "slow photography", del gusto di produrre e consumare un prodotto con i giusti tempi, più vicini ad una dimensione umana che ormai pare abbiamo perso, nella frenesia del mondo moderno

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…