Passa ai contenuti principali

No men's land. Terre senza uomini (ma quanti segni!)

Sai cos'è un "iconema"? Il termine è stato promosso dal geografo Eugenio Turri: come un "fonema" caratterizza una lingua, e ci permette di distinguerla nella babele di linguaggi in giro per il mondo, così un "iconema" caratterizza un paesaggio, ce lo fa riconoscere.


Possono essere piccoli segni, che occorre imparare a distinguere, o possono anche essere segni importanti, che tutti conoscono. La torre Eiffel è un iconema che dice "Parigi", come il Colosseo dice "Roma" e la Madonnina dice "Milano". Si tratta di "elementi visivi, rilevabili nel paesaggio (fiumi, ville, piazze, castelli, santuari...), parte integrante della storia e della cultura degli abitanti".

Gli iconemi possono essere elementi naturali, ma più frequentemente, in Europa, sono legati alle attività umane. Quasi fosse un "taglio" di Burri sulla tela del Mondo, l'iconema caratterizza un paesaggio, pur nell'assenza - diretta - dell'artefice. Cioè dell'essere umano.

Come fotografo paesaggista sono sempre stato interessato (direi ossessionato) dagli iconemi: credo che davvero sia questa la strada da percorrere, cioè identificare e mostrare agli altri i segni che il mondo lascia per rivelare se stesso, come fossero le mollichine di pane di un ipotetico Pollicino, e in questo il ruolo dell'uomo è fondamentale.

Perché oramai, nel nostro continente, non esiste più nemmeno un centimetro quadrato di territorio che non sia stato percorso, alterato (magari di pochissimo) e "adattato" dall'uomo. Anche i luoghi definiti Wild, lo sono solo per comparazione con quelli urbanizzati o coltivati, ma recano comunque l'impronta della nostra specie. Meglio prenderne atto.


Il Genius Loci perciò è giocoforza legato al tempo, al passato, alla Storia; cambia, è cambiato e sempre cambierà aspetto, anche quando apparentemente rimane lo stesso.

Nel mio ultimo libro "Una Momentanea Eternità" in fondo parlo proprio di questo, degli iconemi e del passato, su cui edifichiamo il presente e progettiamo il futuro. Ovviamente non sono l'unico a cercare di farlo, e prima di me altri fotografi si sono dedicati a ricerche del genere, e tra loro molti autentici Maestri della fotografia.

Io li definisco "i fotografi del Genius Loci" proprio per questo: sono molto eterogenei tra loro, e hanno idee diverse - a volte molto diverse - su cosa sia la fotografia e a cosa serva. Ma tutti condividono l'interesse per il paesaggio come mappa della Storia e delle attività umane. 

A differenza dei fotografi di Reportage, o dei documentaristi - da Willi Ronis a Cartier Bresson, da Berengo Gardin a Paolo Pellegrin -  che mostrano direttamente "il volto dell'uomo", che sono poco interessati al paesaggio ma concentrano la loro attenzione sugli sguardi, le azioni, i gesti degli esseri umani, i fotografi del Genius Loci evitano in buona parte di inserire esseri umani nelle loro inquadrature - se non come fugaci elementi, spesso distanti o mossi - sebbene ci narrino comunque degli uomini e delle loro azioni.

Pensiamo al lavoro su Beirut di Gabriele Basilico in cui la fotografia di architettura diventa un modo per narrare anche la guerra, i cui effetti sono evidenti in ogni scatto. Ma anche nelle foto di architettura di Luca Campigotto emerge con chiarezza e potenza l'impatto potente dell'uomo sull'ambiente, sia inteso come ecosistema, sia come ambiente di vita quotidiano.

Sebbene l'idea di "fotografo di paesaggio" sia molto legato a un contesto americano, forse grazie al successo internazionale di Ansel Adams, ma anche perché negli USA ancora esistono ambienti davvero "Wild", incontaminati o quasi, anche in Italia abbiamo una scuola importante, da questo punto di vista, sebbene poco nota. Anche perché non si è mai davvero organizzata come "scuola" o come "corrente artistica".


 L'input venne negli anni '80 dal progetto "Viaggio in Italia" ideato da Luigi Ghirri, uno dei più noti e amati "fotografi del Genius Loci", che raccolse alcuni dei suoi amici fotografi per fare una sorta di ritratto del nostro paese attraverso appunto i paesaggi e dunque gli iconemi. Alcuni di questi fotografi rientrano appieno nella categoria che ho cercato di delineare in questo post, e credo che andrebbero conosciuti meglio e di più perché attraverso le loro immagini non solo conosciamo meglio il mondo in cui viviamo, ma comprendiamo anche di più la nostra società. 

I due forse più affini all'opera di Ghirri - che ha una decisa ispirazione "americana" legata a fotografi come Stephen Shore e i New Topographics - sono senza dubbio Vittore Fossati e Guido Guidi. Entrambi esplorano la realtà italiana (e non solo) con uno sguardo solo apparentemente distaccato, in cui la luminosità intensa sembra quasi cancellare i dettagli, ma in realtà li evidenzia rivelando attraverso di essi le contraddizioni e soprattutto le trasformazioni che spesso assumono i contorni dell'assurdo.

Altri fotografi legati al "Viaggio in Italia", ma più noti al grande pubblico, sono Mimmo Jodice e Giovanni Chiaramonte.

Per concludere questo post, voglio però segnalare anche Cesare Ballardini e la brava Paola De Petri.

Vale la pena conoscere le loro opere e degli altri "fotografi del Genius Loci" e scoprire così che "un'altra fotografia è possibile" (e lo è da almeno trent'anni) anche in Italia.


NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…