Passa ai contenuti principali

La realtà non esiste. O, almeno, non è quella che vediamo!

Il cervello, dunque la vista, si è evoluto non per darci una mente da filosofo, ma quella di un primate che vuole evitare di essere divorato da qualche predatore. Che poi, con un certo sforzo, alcuni uomini siano riusciti a elaborare complesse teorie, è un'altro discorso!


Questo cervello primordiale si è dotato di strumenti in grado di sondare il mondo circostante secondo parametri di mera utilità, e mostrare il "vero" non è affatto utile. Spesso, anzi, è decisamente dannoso.

Il fotografo, dal canto suo, può decidere di dar retta al suo cervello e mostrarci il mondo per come lo percepiamo (fotografia «straight» e giornalistica) oppure farlo in modo tale da rivelarci – o almeno farci percepire – l’inganno. Che poi è la strada percorsa da tanta fotografia "artistica".

Un panorama, un oggetto, una persona appariranno diverse – molto diverse – se a guardarle saranno un uomo, un cane, una renna, un insetto. Per ognuno di questi animali la realtà è quella che essi vedono, eppure è diversa per ciascuno. Ad esempio gli uccelli possono vedere la luce polarizzata e sfruttano questa capacità durante le loro migrazioni e gli insetti hanno occhi compositi in grado di guardare a quasi 360° intorno a loro, e così via.  Sono tutte realtà che convivono, tutte "reali".


Come scrisse Oscar Wilde (“De Profundis”), “…noi non vediamo con gli occhi, né udiamo con le orecchie. Essi non sono che dei canali per trasmettere con più o meno esattezza le impressioni dei sensi. È dentro il cervello che il papavero è rosso e la mela odora e l’allodola canta”.

Un qualsiasi evento – come un albero che si schianta nella più remota delle foreste – crea una serie di onde: tuttavia se non c’è un timpano che vibri all’unisono con queste onde e un cervello che interpreti questa vibrazione, non c’è suono. Il suono è un prodotto della percezione.

Lo stesso vale per la visione. Gli oggetti ricevono i fotoni dal sole e li riflettono: queste onde luminose, senza un sistema occhio-cervello, restano semplicemente un fenomeno fisico, non c’è alcuna immagine.

D’altra parte ci sono onde sonore, come gli ultrasuoni, e lunghezze d’onda luminose (come IR e UV) che noi non percepiamo, e dunque per noi non esistono. E invece, esistono.


E la fotografia? Trattandosi di un'invenzione umana, replica - o cerca di replicare - in buona parte il nostro modo di vedere, ma in verità se ne discosta parecchio. 

Innanzitutto ha una diversa sensibilità alle onde luminose, che può estendersi all'ultravioletto o - come nel caso delle foto che illustrano questo post - all'infrarosso; poi spesso i sensori o le pellicole non sono in grado di registrare tutti i colori allo stesso modo, e dunque hanno un notevole slittamento cromatico; infine, per gran parte della sua storia, e ancora oggi per chi la preferisce, la fotografia è stata in bianco e nero. 

E, come sappiamo, noi il mondo lo vediamo a colori, anche se poi i colori non sono quelli reali, come dimostra l'esistenza dei malati di daltonismo. Anche il colore è un'opinione.

Per questo amo la fotografia all'infrarosso: non ci mostra solo la realtà in modo diverso, ma ci mostra una diversa realtà. 


Quella che vedono ad esempio molti insetti,  che non percepiscono i colori ma vedono l'infrarosso. 

Ogni volta che scruto nel mirino della mia Panasonic modificata per l'IR è un po' come diventare un insetto, o sbirciare un mondo parallelo, dove ogni cosa sembra diversa, pur rimanendo la stessa.

Una piccola magia, se vogliamo.



NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

10 modi per scattare fotografie davvero (ma davvero) belle

Una premessa importante: sono in modalità cazzeggio. Una seconda premessa importante: non esistono fotografie belle. Prendi la foto più figa che ti viene in mente, che so "Migrant Mother" della Lange, o "Moon over Hernandez" di Adams, e pensa: non sono affatto belle. Ma proprio per niente.
Come sosteneva Nietzsche, "conoscere una cosa come bella, significa necessariamente conoscerla nel modo sbagliato". Una foto può essere efficace, significativa, comunicativa, emozionante o qualsiasi altro aggettivo ti venga in mente, ma bella no. 

Perché il concetto di bellezza è strettamente personale (il classico "non è bello quel che è bello, ma quel che piace"), perché varia nel corso del tempo (e basta vedere come sono cambiate le modelle dei fotografi, o come fotografie considerate capolavori ai primi del XX secolo, oggi siano completamente dimenticate) e infine perché il bello è un concetto vago, indefinibile e come tale inutile: è bello il soggetto an…