Passa ai contenuti principali

La realtà non esiste. O, almeno, non è quella che vediamo!

Il cervello, dunque la vista, si è evoluto non per darci una mente da filosofo, ma quella di un primate che vuole evitare di essere divorato da qualche predatore. Che poi, con un certo sforzo, alcuni uomini siano riusciti a elaborare complesse teorie, è un'altro discorso!


Questo cervello primordiale si è dotato di strumenti in grado di sondare il mondo circostante secondo parametri di mera utilità, e mostrare il "vero" non è affatto utile. Spesso, anzi, è decisamente dannoso.

Il fotografo, dal canto suo, può decidere di dar retta al suo cervello e mostrarci il mondo per come lo percepiamo (fotografia «straight» e giornalistica) oppure farlo in modo tale da rivelarci – o almeno farci percepire – l’inganno. Che poi è la strada percorsa da tanta fotografia "artistica".

Un panorama, un oggetto, una persona appariranno diverse – molto diverse – se a guardarle saranno un uomo, un cane, una renna, un insetto. Per ognuno di questi animali la realtà è quella che essi vedono, eppure è diversa per ciascuno. Ad esempio gli uccelli possono vedere la luce polarizzata e sfruttano questa capacità durante le loro migrazioni e gli insetti hanno occhi compositi in grado di guardare a quasi 360° intorno a loro, e così via.  Sono tutte realtà che convivono, tutte "reali".


Come scrisse Oscar Wilde (“De Profundis”), “…noi non vediamo con gli occhi, né udiamo con le orecchie. Essi non sono che dei canali per trasmettere con più o meno esattezza le impressioni dei sensi. È dentro il cervello che il papavero è rosso e la mela odora e l’allodola canta”.

Un qualsiasi evento – come un albero che si schianta nella più remota delle foreste – crea una serie di onde: tuttavia se non c’è un timpano che vibri all’unisono con queste onde e un cervello che interpreti questa vibrazione, non c’è suono. Il suono è un prodotto della percezione.

Lo stesso vale per la visione. Gli oggetti ricevono i fotoni dal sole e li riflettono: queste onde luminose, senza un sistema occhio-cervello, restano semplicemente un fenomeno fisico, non c’è alcuna immagine.

D’altra parte ci sono onde sonore, come gli ultrasuoni, e lunghezze d’onda luminose (come IR e UV) che noi non percepiamo, e dunque per noi non esistono. E invece, esistono.


E la fotografia? Trattandosi di un'invenzione umana, replica - o cerca di replicare - in buona parte il nostro modo di vedere, ma in verità se ne discosta parecchio. 

Innanzitutto ha una diversa sensibilità alle onde luminose, che può estendersi all'ultravioletto o - come nel caso delle foto che illustrano questo post - all'infrarosso; poi spesso i sensori o le pellicole non sono in grado di registrare tutti i colori allo stesso modo, e dunque hanno un notevole slittamento cromatico; infine, per gran parte della sua storia, e ancora oggi per chi la preferisce, la fotografia è stata in bianco e nero. 

E, come sappiamo, noi il mondo lo vediamo a colori, anche se poi i colori non sono quelli reali, come dimostra l'esistenza dei malati di daltonismo. Anche il colore è un'opinione.

Per questo amo la fotografia all'infrarosso: non ci mostra solo la realtà in modo diverso, ma ci mostra una diversa realtà. 


Quella che vedono ad esempio molti insetti,  che non percepiscono i colori ma vedono l'infrarosso. 

Ogni volta che scruto nel mirino della mia Panasonic modificata per l'IR è un po' come diventare un insetto, o sbirciare un mondo parallelo, dove ogni cosa sembra diversa, pur rimanendo la stessa.

Una piccola magia, se vogliamo.



NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…