Passa ai contenuti principali

Notre Dame, Glastonbury e il potere della fotografia

Viviamo in un'epoca che ha fatto della dimenticanza il suo tratto caratteristico più forte. Siamo abilissimi nel dimenticare il nostro passato, nel rimuoverlo a volte, nel disinteressarci alla cancellazione di quel che siamo stati - come Umanità - e di quel che è stato il nostro pianeta.

Smarriamo memoria con la facilità d'un lampo. Quasi ogni giorno che passa, habitat e specie animali e vegetali si estinguono (o avanzano verso l'estinzione) senza che ce ne rendiamo conto, mentre monumenti plurisecolari si perdono senza che nessuno sembri davvero in grado (o voglia) reagire.

Ieri il simbolo stesso del Medioevo europeo, Notre Dame, è stato ferito a morte. Non è un caso unico, ne in Europa (pensiamo a mezza Italia centrale cancellata dai terremoti), ne nel Mondo, basterà ricordare la distruzione di Palmira a opera dell'Isis, o i Buddah afgani fatti esplodere dai Talebani. E l'elenco potrebbe continuare a lungo.


Il pianeta si impoverisce, e noi con loro, eppure solo pochi sembrano prestarci attenzione. Forse in questo anche la fotografia gioca un ruolo. 

Non esisteranno più specie animali come il Puma orientale, o il Leone berbero, o il Diavolo di Tasmania, ma ci restano le loro fotografie, a volte dei video. Ecco, erano fatti così, vedi che belli? In fondo ci basta, ci tranquillizza. La nostra memoria è fatta di immagini, e non ci accorgiamo che un'immagine non è la realtà, ma solo il suo ricordo

Quando l'abbazia di Glastonbury - legata alle leggende di Re Artù, ma importantissima anche dal punto di vista storico, non meno di Notre Dame - venne abbandonata e cadde in rovina (almeno quattro secoli fa), non c'erano migliaia di persone con i loro smartphone a riprendere il suo lento degrado. Non sapremo mai il suo reale aspetto: la conosciamo come rudere, un rudere magnifico e imponente, suggestivo e carico di emotività, ma pur sempre una rovina.

La Storia procede anche così, fagocitando quel che c'era prima e creando memoria.


Pensa se facessimo lo stesso con Notre Dame, se la lasciassimo così, come il fuoco l'ha ridotta, similmente alla chiesa di Guglielmo, o chiesa della Memoria (Kaiser-Wilhelm-Gedachtniskirke) a Berlino, lasciata in forma di rudere dopo i bombardamenti della II Guerra Mondiale. O immagina se i paesi distrutti dai terremoti in Italia centrale rimanessero come borghi fantasma: ce ne sono tanti, in fondo. In Abruzzo, dopo il sisma della Marsica del 1915, molti paesi vennero costruiti altrove, e quelli vecchi lasciati all'abbandono. Se facessimo lo stesso? Se lasciassimo al Moloch della Storia di passare senza interferire?

Ma la diffusione della fotografia ci rende difficile farlo. Noi sappiamo esattamente cosa abbiamo perso. Lo possiamo vedere in milioni di fotografie. 


Notre Dame riceveva 12 milioni di turisti ogni anno, e ognuno avrà scattato - come minimo - una foto. Un'enormità. La nostra memoria è una memoria fotografica, e non nel senso che si attribuisce normalmente a questo termine, ma letteralmente: siamo tormentati da un passato che rimane immobile e fisso su quei file, su quei pezzetti di carta fotografica.

La fotografia testimonia ed eternalizza gli eventi, caccia indietro la paura del nichilismo: nulla muore più, nulla diventa polvere alla polvere. Almeno così crediamo.

 Il Moloch è incatenato, e forse noi con lui.


(Le foto che illustrano il post sono tutte analogiche e fanno parte del mio progetto dedicato appunto al tema del Passato)



NEWSLETTER


Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…