Passa ai contenuti principali

Traduzioni (podcast)

Fotografare significa ricondurre un'esperienza multisensoriale e multilivello a un oggetto piatto e spesso monocolore, a due dimensioni. Mica facile. Non a caso molti prediligono il video: almeno puoi aggiungere i suoni. Restano fuori odori e sensazioni tattili, ma è un passo avanti!

In verità l'esperienza di tanti grandi fotografi dimostra che è possibile evocare, grazie al fenomeno che Stieglitz definisce degli "Equivalenti", molte sensazioni ed emozioni grazie solo a un'immagine.


Di questo e altro parlo nel mio nuovo podcast, registrato mentre ero impegnato a Tarquinia nel fotografare quella che io amo chiamare "la casa dell'eremita", un ipogeo scavato al centro di un'alta parte verticale e dunque sostanzialmente irraggiungibile senza una scala o una corda, per il mio progetto sull'Etruria ai sali d'argento.




La foto è stata scattata con una vecchia fotocamera in bachelite degli anni '50, la Hamaphot P56, e mentre armeggiavo con scatti flessibili e viewfinder, mi è venuto in mente che in effetti tutte le sensazioni che stavo provando in quel momento non erano facili da comprimere e inserire nel quadrato 6x6 cm della fotocamera.

Spesso, come fotografi, ci troviamo davanti a questo problema, e ognuno l'affronta a modo suo. A me piace rallentare e ricorrere alla pellicola, con fotocamere antiquate e poco precise, per dover ragionare e ragionare ancora, prima del fatidico scatto. E i fotogrammi son solo 12, non centinaia.

Altri troveranno tecniche e soluzioni diverse. Ma tutti i fotografi - a prescindere dal genere e dagli interessi - debbono comunque trovare il sistema di superare l'empasse. Magari la mia riflessione ti potrà essere utile. Lo spero!



NEWSLETTER


Commenti

  1. ☀️COPE TECHS☀️

    I servizi di hacking sono necessari a così tante persone, ma non hai ancora incontrato nessuno che ti fornisca questi servizi. Ma non preoccuparti più se vedi questo messaggio. COPE TECHS è un'organizzazione che fornisce facilità alla tecnologia per gli individui, forniamo servizi di hacking con l'obiettivo di aiutare e non per scopi di furto.

    Siamo in grado di fornirti servizi di hacking come:
    ✴️ Phone Hacking📱📲, per spiare le tue spie se sospetti di barare
    ✴️Email e social media hacking📧📩
    ✴️ Modifica dei risultati nella banca dati delle università e dei college💾
    Cambio di precedenti documenti (casellario giudiziario, documentazione medica e.t.c.📑
    ✴️Rifondi su denaro rubato da frodi su Internet 💶💷
    ✴️Mining di Bitcoin 💰 e molto altro.

    Se hai bisogno di servizi di hacking, contattaci tramite il nostro indirizzo e-mail: copetechs@gmail.com

    RispondiElimina
  2. AI know a professional hacker named ethicalhackers009@gmail.com who has worked for me this week. He offers very legitimate services such as clearing of bad records online without being traced back to you, He clone/hack mobile phones, hack Facebook account, instagram, WhatsApp, emails, Twitter, bank accounts, Skype, FIXES CREDIT REPORTs, track calls. He also help retrieve accounts that have been taking by hackers. His charges are affordable, reliable and 100% safe. For his job well done this is my own way to show appreciation, Contact him via address below...
    Email...ethicalhackers009@gmail. com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…