Passa ai contenuti principali

Fotografare nella folla

Io sono sempre stato un tipo un po' solitario, almeno come fotografo. Mettetemi in una forra, in un bosco, in mezzo alle montagne e mi immergerò nelle riprese senza problemi, ma se mi trovo in un luogo affollato, vado nel pallone. Non mi piace il chiacchiericcio, gli urli, il fatto di venir sballottato dalla folla in movimento. Mi deconcentro, come minimo.

Penso di non essere l'unico.

Per questo i luoghi di questo genere, il più delle volte, li evito. Però ci sono occasioni in cui non se ne può fare a meno. Vuoi perché un determinato progetto richiede di andare in siti gestiti e aperti al pubblico, vuoi perché ci sono posti che da tempo vorresti visitare, e non c'è verso di farlo stando da solo.

Un esempio di questa seconda categoria, è per me lo splendido "Giardino dei Tarocchi" di Niki De Saint-Phalle a Capalbio (Gr).

Volevo andarci da anni, ma poi rinviavo pensando alla "folla". Ma alla fine mi sono deciso e sono andato. Chiedendomi, come fotografo, in che modo avrei potuto affrontare un luogo non solo conosciuto e strafotografato, ma anche già di per se "opera d'arte", e non semplice monumento.



Credo che al fotografo non restino molte opzioni, in effetti. Se ti trovi davanti al Colosseo, alla Torre Eiffel o a qualsiasi monumento famoso e fotografato, puoi ovviamente attendere la luce giusta (spesso l'ora blu con le luci accese), scegliere un punto di vista un minimo originale, ben sapendo che comunque anche altri lo avranno scelto, e operare per ottenere la miglior foto possibile.

Il risultato sarà spesso una foto di qualità, che molti ammireranno, ma che alla fine poco si differenzierà da quelle che già circolano, a centinaia di migliaia - se non milioni - sulla Rete.

Oppure puoi fare delle scelte coraggiose, e decidere cosa quel luogo rappresenti per te, in quel momento preciso. Cioè, non in generale - le nostre idee e opinioni, come le nostre emozioni, cambiano nel tempo - ma proprio ora, nell'istante in cui sei lì davanti, con la fotocamera in mano.


Fatto questo, puoi pensare a come inserire nelle tue foto solo quello che davvero rimandi a queste idee e sensazioni; esprimere, insomma, la tua "opinione fotografica" sul soggetto, senza cercare per forza di ricorrere a qualche tecnica strana e esoterica solo per fare "qualcosa di diverso".

Scorciatoia praticata da molti, che solo di rado funziona.

Torno al mio esempio personale. Varcato il cancello d'ingresso del Giardino, sono stato sopraffatto dalla grandiosità e dai colori delle opere della Saint Phalle. Avrei potuto fotografarle anche "al volo" e tuttavia ne sarebbe venuto fuori qualcosa di interessante comunque, tanta è la potenza evocativa delle "sculture".

Oppure potevo dedicarmi ai dettagli, agli spazi di colore, alle campiture vivaci con stacchi netti, alle mille faccine che emergono ovunque.

Ma mi son subito accorto che quello che davvero mi colpiva e attirava erano gli specchi. Non mero artificio per la "spettacolarizzazione" delle opere, ma frammentazione della realtà, come in un immenso caleidoscopio. Perciò, visto che era questo che attirava la mia attenzione e veicolava le mie emozioni, ho deciso di non fotografare direttamente le opere, ma solo i giochi di specchi.

Nel farlo, mi son poi reso conto che, dopo quasi 25 anni dall'inaugurazione, molti di essi iniziavano ad essere rovinati, ad apparire come lastre di alabastro, a non riflettere più la realtà direttamente, ma come mediata da un velo misterioso, una vertigine, un gorgo.


Attraverso Niki De Saint Phalle ho iniziato a vedere Kandinsky o anche Mondrian, con i suoi rettangoli colorati.

Un viaggio sulla superficie delle singole opere che mi ha assorbito completamente, al punto da non sentire più il vocìo di fondo, non avvertire più la pressione della folla (e di gente ce n'era tanta!).

E' solo un piccolo esempio, che mi serve per dirti che a volte non conta l'originalità (anche altri avranno fatto foto come le mie), quanto l'autenticità, o meglio la perfetta corrispondenza con le proprie capacità espressive, e la propria emotività.

Alla fine, non puoi che essere te stesso: perché tentare di essere qualcun altro?



NEWSLETTER


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…