Passa ai contenuti principali

Fotografare in compagnia (e un progetto per il 28 aprile)

Tra i tanti miei tanti difetti - o pregi, dipende dai punti di vista - c'è anche quello che, almeno quando si tratta di fotografare, sono un tipo solitario. Mi piace avere i miei tempi: se trovo un soggetto che mi interessa posso fermarmi a fotografarlo anche per ore, senza dovermi preoccupare delle esigenze di qualcun altro. 


Quando si è in gruppo, tutti debbono scendere a dei compromessi, ed è difficile che si possa condividere davvero l'entusiasmo per un soggetto che ci ha colpito, e se capita si traduce in una serie di sgomitamenti per fotografarlo. 

"L'ho visto prima io!", "vabbe', ma aspetta che ho quasi fatto!", "attento al treppiedi che mi viene mossa!" e dialoghi del genere sono la norma. Stressante, a volte.

Certo, dipende da chi sono i nostri compagni nelle uscite fotografiche. Se sono persone sensibili e soprattutto veri amici, il più delle volte non nascono problemi particolari, anche se resta il fatto che non si possono rispettare i propri tempi ma occorre creare una sorta di "tempistica di gruppo" che è un compromesso che scontenta tutti ma non troppo.

Per quanto mi riguarda, quando esco con i miei amici fotografi, parto già con l'idea che lo scopo principale non è fare per forza delle buone foto (anche se capita, e anche spesso), ma trascorre piacevolmente del tempo praticando un'attività che amiamo con persone a cui vogliamo bene, il che in fondo è più importante della fotografia.


Così, qualche giorno fa, sono andato sulla costa di Civitavecchia con un gruppetto di amici con cui ogni tanto facciamo delle uscite - anche se non così spesso come ci piacerebbe. 

Massimo, Renzo e Roberto li conosco da (tanti...) anni, la mia esperienza fotografica è cresciuta anche con loro e a volte grazie a loro. Sono poi persone in grado di adattarsi con una facilità strabiliante alle dinamiche degli altri, il che è cosa rara.

Avviene perciò che durante le nostre escursioni fotografiche ogni tanto ci ritroviamo sparsi, ognuno a fotografare un dettaglio, una pianta, una roccia, un panorama, poi ci si ritrova assieme, si commenta, si cazzeggia, e si prosegue oltre, fino a trovare un nuovo soggetto, una nuova situazione. 

E allora mi viene da pensare che anche la fotografia, almeno a volte, può essere un gioco di gruppo, se non di squadra. Ma questo avviene solo se le persone capiscono e rispettano le esigenze altrui e pur cercando di far valere le proprie, non applicano una logica di sopraffazione. Avendo fatto parte di associazioni fotografiche so che spesso questo non avviene nelle cosiddette "uscite sociali", e forse è normale perché non basta appartenere alla stessa associazione per essere davvero amici.

Tuttavia, vale lo stesso la pena di partecipare alle uscite "pubbliche", magari portando con se solo una compatta: tanto si fotograferà poco, ma si chiacchiererà tanto, e questo è fondamentale. Prima bisogna crearsi degli amici, poi uscire insieme a fotografare. 

Vedere le cose, vederle davvero, come anche farsi degli amici, sosteneva la grande pittrice Georgia O'Keeffe, tra l'altro moglie di Stieglitz, richiede tempo. Quel tempo che è merce così rara al giorno d'oggi.


Mi dirai: che c'entra la data del 28 aprile indicata nel titolo?

Beh, il 28 aprile sarà il WWPD (WorldWide Pinhole Photography Day), la giornata internazionale del foro stenopeico

Si tratta di scattare, in quel giorno, una serie di fotografie col foro stenopeico (meglio su pellicola, ma anche digitali), poi sceglierne una e condividerla sulla galleria globale che si trova sul sito dell'evento. Non si vince niente, è solo per il piacere di partecipare, un modo per stare insieme, per conoscersi e magari provare una tecnica di cui si è sentito parlare e non si conosce.

Quest'anno non organizzerò un workshop o cose del genere. Pensavo a un'uscita nella zona di Viterbo (ancora da decidere, ma sarà un bel posto in mezzo alla natura) durante la quale si proveranno fotocamere stenopeiche e si faranno insieme le foto da condividere online. Il tutto è ovviamente gratuito e libero. 

Chi non conosce il foro stenopeico e non sa come costruirlo può ricevere indicazioni pratiche. Chi è iscritto alla mia Newsletter le riceverà in un'apposita comunicazione. Comunque il 28 aprile porterò con me il necessario per creare i fori, e dunque ci si divertirà anche così, en plein air!

Chi è intenzionato a partecipare me lo comunichi, così posso creare una lista a cui invierò successivamente i dettagli. Comunque ne riparlerò anche su questo blog. Se siete nell'area di Viterbo e dintorni (ma anche da Roma, che ci vuole?) che ne dite di stare un giorno insieme all'aria aperta a fotografare... da buoni amici (veri e non virtuali)?



NEWSLETTER


Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…