Passa ai contenuti principali

7 fotocamere (stenopeiche) per un soggetto

Oggi sono andato a ritirare delle "fotocamere" per la Solargrafia che avevo lasciato due mesi fa di fronte a una bella sughera nella campagna tuscanese. Per l'occasione, ho anche deciso di fare un piccolo esperimento, portando con me ben sette fotocamere stenopeiche - di varia foggia e vario formato - ma tutte rigorosamente autocostruite e "alimentate" con negativo di carta, cioé carta fotografica bianco e nero alla gelatina d'argento. Quella per le stampe, per intenderci.

Prima di tutto, ti dico come sono andate le cose con la Solargrafia. Bene, dal punto di vista fotografico, male se si considera quel che le fotocamere (in tutto tre) mi hanno mostrato dal punto di vista ambientale.


Potrei intitolare la foto qui sotto "l'Immagine della siccità". La solargrafia mostra il percorso del sole durante i mesi in cui la foto viene impressa; visto che ogni giorno, in questo periodo, il sole si alza un po' sulla linea dell'orizzonte, il suo percorso viene registrato come una fascia composta da numerose righe (58 circa, in questo caso). 

Una riga piena vuol dire che la giornata è stata serena, una riga interrotta è una giornata nuvolosa. In febbraio e marzo, i mesi in cui le fotocamere sono rimaste all'aperto, la fascia dovrebbe essere piena di lacune, per i numerosi giorni di pioggia, invece è quasi continua, con pochi "buchi", che rappresentano oltretutto giorni nuvolosi ma senza pioggia, la gran parte delle volte. Quasi due mesi senza pioggia, e poche nuvole, una vera anomalia, che la foto mostra chiaramente.


Ma veniamo alla mia prova sul campo. Volevo fotografare un soggetto con diverse fotocamere stenopeiche, per vedere come ognuna poteva "interpretarlo" dal punto di vista tecnico (dal punto di vista creativo, l'interpretazione è mia!). Ho scelto una bella sughera solitaria in mezzo a un campo e mi son dato da fare: con molta pazienza, visto che i tempi di esposizione erano di 30 secondi e più (circa 2 minuti nella maggior parte dei casi). E questo nonostante fossi in pieno sole: ma la carta fotografica ha una sensibilità di soli 6 Iso...


Nella foto sopra, ecco le "magnifiche 7" in attesa di essere utilizzate. Come vedi ci sono fotocamere ricavate da vecchie fotocamere fuori uso (una Agfa Box e una Instax), da scatole di legno comprate a un mercatino, e anche fotocamere completamente autocostruite.

Puoi ascoltare il mio racconto nel podcast qui sotto!



Comunque, ho montato una ad una le fotocamere sul treppiedi, ho fatto la lettura esposimetrica grazie a una app sullo smartphone e ho aperto "l'otturatore" attendendo che il tempo necessario passasse. 

Tornato a casa ho provveduto a sviluppare i negativi sotto la luce rossa, grazie a due vaschette con sviluppo e fissaggio, e ho così potuto verificare il risultato.


I negativi li puoi vedere qui sopra. Una delle foto anamorfiche è venuta sottoesposta, ma l'altra non è niente male, ho anche azzeccato l'inquadratura, che non è cosa facile con questa tecnica.


Si nota la presenza di un light leak, ma a parte questo si vede il tronco che parte dal terreno (curvo come fosse un pianetino) e poi si piega per continuare dall'altra parte!

 La foto realizzata con la 13x18 cm in cartone ovviamente è la più definita, ma anche le altre non sono niente male considerando che son state realizzate con delle scatole e un forellino.


La cosa intrigante è che nessuna delle foto mostra il soggetto allo stesso modo. E' vero che ho modificato ogni volta l'inquadratura, ma l'ho fatto sulla base di quelle che sapevo essere le caratteristiche di ciascuna fotocamera. 


La mia preferita è forse quella qui sopra, realizzata con una fotocamera ricavata da una scatola di legno quadrata, ma mi piace molto anche quella che metto qui sotto, ottenuta da una fotocamera Agfa Box pesantemente modificata (l'ho tagliata a metà!).


Beh, questo è tutto. Io mi son divertito, ho scoperto altri aspetti della fotografia stenopeica - visto che non si finisce mai di imparare - e ho iniziato a "scaldare i motori" in vista del Worldwide Pinhole Photography Day, la giornata mondiale del foro stenopeico (28 aprile).

Se volete saperne di più, scrivetemi!



NEWSLETTER


Commenti

  1. ☀️COPE TECHS☀️

    I servizi di hacking sono necessari a così tante persone, ma non hai ancora incontrato nessuno che ti fornisca questi servizi. Ma non preoccuparti più se vedi questo messaggio. COPE TECHS è un'organizzazione che fornisce facilità alla tecnologia per gli individui, forniamo servizi di hacking con l'obiettivo di aiutare e non per scopi di furto.

    Siamo in grado di fornirti servizi di hacking come:
    ✴️ Phone Hacking📱📲, per spiare le tue spie se sospetti di barare
    ✴️Email e social media hacking📧📩
    ✴️ Modifica dei risultati nella banca dati delle università e dei college💾
    Cambio di precedenti documenti (casellario giudiziario, documentazione medica e.t.c.📑
    ✴️Rifondi su denaro rubato da frodi su Internet 💶💷
    ✴️Mining di Bitcoin 💰 e molto altro.

    Se hai bisogno di servizi di hacking, contattaci tramite il nostro indirizzo e-mail: copetechs@gmail.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…