Passa ai contenuti principali

Storie di corruzione (fotografica)

No, tranquillo: non voglio parlare di fotografi che intascano bustarelle per nascondere fotografie compromettenti (ti ricorda qualcuno?). E nemmeno dell'andazzo che sta prendendo sempre più la fotografia. No. Voglio proprio parlare di fotografie corrotte. Anzi, per meglio dire - visto che siamo in epoca digitale - di file corrotti.

Non so se hai notato come il passaggio dall'analogico al digitale abbia modificato anche i modi di esprimersi dei fotografi. Prima, e ancora adesso se si usa la pellicola, se lo sviluppo del negativo aveva un problema si diceva che era venuto male, era "rovinato" o graffiato, macchiato, inutilizzabile, cose così. I termini in uso erano comuni anche ad altri campi, dunque in qualche modo neutri. 

Ma oggi si sbaglia pochissimo, tutto è già previsto, la tecnologia ci mette sempre una pezza, e occorre essere proprio sprovveduti per non azzeccare una fotografia. Che poi anche nei casi più gravi qualcosa si può sempre fare, "via software" s'intende. nel digitale, al massimo si parla di corrupted files, appunto, che in inglese fa anche figo. E ovviamente di ricovery, perché mica è come i negativi: i fles puoi anche tentare di ripararli.

Cavolo, il piacere degli incidenti di percorso è oramai definitivamente andato perduto.

Oddio, mica sempre. Perché poi a volte ci sono loro i files definitivamente "corrotti", che neanche il software più potente riesce a riparare. I dati sono proprio mancanti, almeno in parte, e non c'è niente da fare. Non disperarti: gioisci invece!

Che poi già il termine la dice lunga sulla bassezza morale del digitale, che - diciamolo - è basato sul silicio (in pratica su dei sassi semitrasparenti), mica sul nobile argento (per tacer del platino o dell'oro!). Ovvio che prima o poi incorra nel reato di corruzione!

Perciò voglio fare un elogio del file corrotto, della sua bellezza, della sua utilità nel far tornare la fotografia nei sacri confini dell'errare, che è umano, certo, ma anche fotografico. Senza la possibilità che qualcosa vada storto, che gusto c'è? Ovviamente gli incidenti di questo tipo mettono ansia, ma via: che sarà mai perdere una foto - ogni tanto - per godere della bellezza innata del file corrotto?

Oggi mi è capitato di trovarne uno. Eureka! Scaricate le foto, mi son ritrovato con questo "grumo di pixel" incomprensibile. Ma bello, sia chiaro. L'ho subito "postprodotto" non per recuperarlo (impossibile) ma per evidenziarne le caratteristiche estetiche: che ci sono tutte, bada bene. 


Un po' tappeto di Missoni, un po' opera d'arte contemporanea, colmo di colori e linee orizzontali che nemmeno la Bauhaus! Gloria a te, file corrotto! 

E visto che non ci sono vincoli visivi predeterminati e vincolanti (in fondo, la foto rappresenta solo un errore di computazione), ho anche iniziato a giocarci un po', col file. Che da tanto non praticavo un po' di "digital art" e l'occasione mi sembrava ghiotta.



Ecco, dalle linee rette ne ho tirato fuori un ovale multicolore. Roba semplice, ma quando si gioca mica ci si impegna al massimo: lo si fa per rilassarsi, per non pensare a quale foto sia andata persa a causa della corruzione (non lo so e non lo voglio sapere!). Magari la migliore del gruppo? Si fotta!

E anzi, sai che ti dico? Allora 'sto file lo "maciullo", lo trito, la sganasso, lo smandrappo, e vediamo che ne viene fuori.


La forma finale della corruzione. Titolo: "Corrupted #1". Tecnica: cazzeggio libero su file digitale andato a ramingo. Alla fine sai che ti dico? Quasi mi piace. Viva la corruzione (dei file)!




Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…