Passa ai contenuti principali

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.


Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 

Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.

Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così forzano un po' la mano. Ma l'editing non perdona: quando sei li a sequenziare le foto, lo vedi che il lavoro è monco. Non puoi che ricominciare a realizzare le foto, aggiungendo quelle mancanti.

Così ho fatto io, lanciandomi nell'impresa di scattare migliaia di fotografie analogiche. Oggi che ho il mio laboratorio colmo di pellicole sviluppate e gli Hard Disk pieni di negativi debitamente digitalizzati, debbo applicarmi alla parte contemporaneamente più piacevole e più odiosa del processo fotografico: appunto l'editing.

Anzi il "culling" come viene chiamato con un termine inglese sanguinolento (la parola significa letteralmente "abbattimento", e si usa con riferimento ai mattatoi, in genere: e pensare che sono pure vegetariano!). Il culling consiste nella pura e semplice decimazione della massa di fotografie sopravvissute alle prime cernite. Occorre eliminare fotografie che ami, che ti sono costate lavoro e impegno ma che, purtroppo, non reggono il confronto con le altre. Si potranno utilizzare in altri progetti o per la condivisione online, ma non stavolta.



Dalle 500 foto iniziali, sono arrivato a 167. Le mie mani grondano sangue analogico/digitale (che poi in bianco e nero è un grigio sporco orribile)!

Me ne servono 80 (ma forse anche 70) per il libro e una trentina per la mostra: queste ultime saranno un'ulteriore selezione delle prime, ovviamente. Perciò la metà delle foto già selezionate andrà eliminata. Tolti i doppioni, gli scatti simili, le foto poco adatte e così via, forse me la caverò con l'eliminazione di una cinquantina di foto. Urca!

Il fatto è che quando arrivi a una selezione già così "setacciata" ogni singola immagine è per te preziosa, non vorresti mai rinunciarci. Però occorre farlo, con calma, e con la tazza della camomilla lì vicino.

Finito il "culling" si passa all'editing vero e proprio, ed è lì che si costruisce la serie vera e propria; è lì che si inizia a sequenziare le immagini, e anche questo non è semplice, specialmente per un progetto non narrativo come il mio. Quando devi fare l'editing di un reportage puoi affidarti alla logica: la storia ha un suo dipanarsi, un inizio e una fine e per quanto tu possa scegliere di organizzare le foto in modo non cronologico, comunque hai dei punti di appoggio concreti. Le serie non narrative sono invece brutte bestie, perché la sequenza viene costruita su basi puramente visive, estetiche per così dire.

Il mio lavoro è organizzato per sottotemi, di cui dovrò tener conto, mentre trattandosi di un lavoro in bianco e nero potrò almeno evitare di pensare ai colori. Intanto ho già iniziato a stampare un po' delle foto. Fare l'editing al computer è una follia: bisogna per forza lavorare sulla stampa. Bastano anche delle foto 10x15 o 13x18 centimetri. Per ora ho stampato una quarantina di foto in formato A4 con la stampante di casa, tanto per una verifica generale e, sebbene stia ancora nella fase del "culling", ho iniziato a vedere come le si possa organizzare. Ma anche la mia gatta pare perplessa sul successo dell'impresa!


Per chi fosse curioso, posso dire che l'anteprima della mostra sarà nell'ambito del festival dedicato alla fotografia "lenta" SorianoImmagine 2019 che si svolgerà a luglio - ovviamente a Soriano nel Cimino - mentre il libro vedrà la luce in autunno (o forse prima, chissà) in tempo per i regali natalizi!


Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…