Passa ai contenuti principali

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.


Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 

Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.

Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così forzano un po' la mano. Ma l'editing non perdona: quando sei li a sequenziare le foto, lo vedi che il lavoro è monco. Non puoi che ricominciare a realizzare le foto, aggiungendo quelle mancanti.

Così ho fatto io, lanciandomi nell'impresa di scattare migliaia di fotografie analogiche. Oggi che ho il mio laboratorio colmo di pellicole sviluppate e gli Hard Disk pieni di negativi debitamente digitalizzati, debbo applicarmi alla parte contemporaneamente più piacevole e più odiosa del processo fotografico: appunto l'editing.

Anzi il "culling" come viene chiamato con un termine inglese sanguinolento (la parola significa letteralmente "abbattimento", e si usa con riferimento ai mattatoi, in genere: e pensare che sono pure vegetariano!). Il culling consiste nella pura e semplice decimazione della massa di fotografie sopravvissute alle prime cernite. Occorre eliminare fotografie che ami, che ti sono costate lavoro e impegno ma che, purtroppo, non reggono il confronto con le altre. Si potranno utilizzare in altri progetti o per la condivisione online, ma non stavolta.



Dalle 500 foto iniziali, sono arrivato a 167. Le mie mani grondano sangue analogico/digitale (che poi in bianco e nero è un grigio sporco orribile)!

Me ne servono 80 (ma forse anche 70) per il libro e una trentina per la mostra: queste ultime saranno un'ulteriore selezione delle prime, ovviamente. Perciò la metà delle foto già selezionate andrà eliminata. Tolti i doppioni, gli scatti simili, le foto poco adatte e così via, forse me la caverò con l'eliminazione di una cinquantina di foto. Urca!

Il fatto è che quando arrivi a una selezione già così "setacciata" ogni singola immagine è per te preziosa, non vorresti mai rinunciarci. Però occorre farlo, con calma, e con la tazza della camomilla lì vicino.

Finito il "culling" si passa all'editing vero e proprio, ed è lì che si costruisce la serie vera e propria; è lì che si inizia a sequenziare le immagini, e anche questo non è semplice, specialmente per un progetto non narrativo come il mio. Quando devi fare l'editing di un reportage puoi affidarti alla logica: la storia ha un suo dipanarsi, un inizio e una fine e per quanto tu possa scegliere di organizzare le foto in modo non cronologico, comunque hai dei punti di appoggio concreti. Le serie non narrative sono invece brutte bestie, perché la sequenza viene costruita su basi puramente visive, estetiche per così dire.

Il mio lavoro è organizzato per sottotemi, di cui dovrò tener conto, mentre trattandosi di un lavoro in bianco e nero potrò almeno evitare di pensare ai colori. Intanto ho già iniziato a stampare un po' delle foto. Fare l'editing al computer è una follia: bisogna per forza lavorare sulla stampa. Bastano anche delle foto 10x15 o 13x18 centimetri. Per ora ho stampato una quarantina di foto in formato A4 con la stampante di casa, tanto per una verifica generale e, sebbene stia ancora nella fase del "culling", ho iniziato a vedere come le si possa organizzare. Ma anche la mia gatta pare perplessa sul successo dell'impresa!


Per chi fosse curioso, posso dire che l'anteprima della mostra sarà nell'ambito del festival dedicato alla fotografia "lenta" SorianoImmagine 2019 che si svolgerà a luglio - ovviamente a Soriano nel Cimino - mentre il libro vedrà la luce in autunno (o forse prima, chissà) in tempo per i regali natalizi!


Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…