Passa ai contenuti principali

Io e la mia fotocamera all'Infrarosso. Chissà se è vero amore...

L'amore, si sa, è pazzerello. Oggi ti appassiona una cosa (ma vale anche per le persone), domani non le sopporti più. Niente di strano: è la vita. Ma quando parliamo di fotografia, ci sono altre considerazioni da fare, e le mie ultime esperienze con una fotocamera digitale convertita all'Infrarosso (che non è una nuova religione... o magari si!) mi hanno dato lo spunto per parlarne.


Inizio col dire che ho sempre pensato che le fotocamere fossero come i guanti (in effetti, non si dice che dovrebbero "calzare come un guanto" rispetto alle nostre esigenze?): io ho un cassetto pieno di guanti perché, pur essendo un grande amante del freddo e dell'inverno, soffro di circolazione ridotta alle estremità, e le mani sono sempre gelate, che non è il massimo quando si deve operare con i pulsanti e pulsantini di una fotocamera digitale, specie se mirrorless. E già questo spiega la mia passione per le "ghierone" e i "pulsantoni" delle vecchie fotocamere analogiche. Vabbe', ma questa è un'altra storia.

Dicevo dei guanti. Non so perché, ma davvero non riesco a cambiarli sinché quelli in uso non diventino davvero inservibili. Continuo a ricevere in regalo guanti nuovi e molto belli, ma se ne stanno tutti nel cassetto mentre quelli vecchi, bucati e abrasi, non mancano mai nel mio zaino. Il fatto è che sono comodi, deformati al punto giusto, bucati dove serve (ad esempio in corrispondenza del dito indice, utile per il touchscreen!), adattati alla perfezione alle mie mani; una cosa se funziona e svolge bene la sua funzione ha un solo modo per essere abbandonata: si deve proprio rompere

Una logica anticonsumistica, lo so, che farebbe la disperazione delle case produttrici di ottiche e fotocamere. Ma per loro fortuna il grosso dei fotoamatori non è affatto come me: si libera della propria fotocamera quasi ogni volta che esce il modello nuovo!

Debbo dire che questa faccenda - che pure trovo fondamentalmente sbagliata - mi rende invece assai contento perché così c'è sempre un ricco mercato dell'usato da cui attingere e, con un po' di pazienza, si fanno ottimi affari. Ma anche questo è un altro discorso.


Il discorso che invece vorrei fare è relativo all'utilizzo che si fa della fotocamera. Se sorgono nuove esigenze, se si vogliono esplorare nuovi territori, spesso è necessario acquistare l'accessorio o la fotocamera relativa. Con questo spirito ho deciso di prendere una Panasonic (un modello di 10 anni fa) a cui è stato rimosso il filtro passa basso, sostituito con un filtro all'infrarosso da 720 nanometri. Insomma, la fotocamera ora scatta solo foto che, a colori, sono completamente rosse - almeno così appaiono sul monitor del computer quando le si apre - ma che poi danno vita a intriganti e misteriose fotografie (nel mio caso solo bianco e nero) in cui la vegetazione è pressoché bianca (effetto Wood), i cieli quasi neri e tutti i grigi stanno nel mezzo. 

Ovviamente la mia intenzione è completare un progetto che sto portando avanti da tempo sfruttando delle normali fotocamere (specialmente Olympus) e un filtro da 720 nm. Quasi tutte le fotocamere (specialmente i modelli più recenti privi del filtro passa basso) sono sensibili all'IR, e consentono con facilità di praticare questo tipo di fotografia. 

Perciò da molti anni quando le condizioni sono giuste, monto il filtro e scatto le mie foto nella radiazione invisibile dello spettro. Da amante dei tempi di scatto lunghi non posso che essere contento del fatto che - visto che il filtro è praticamente quasi nero - occorra utilizzare esposizioni di diversi secondi anche in pieno sole. Ma a volte questo può essere un limite. Anche perché è impossibile utilizzare obiettivi come il Fish-Eye o i supergrandangolari, e comunque per obiettivi di passo diverso occorrerebbe avere filtri diversi, con una spesa non indifferente. 

Esistono i filtri a lastrina, è vero, ma spesso pongono problemi di riflessi (tra filtro e lente frontale). Infine molte fotocamere mostrano il fenomeno detto "hot spot", una zona centrale di diversa intensità e colore, più visibile man mano che si diaframma. Insomma, ci sono limiti niente male.

Una fotocamera convertita, invece, non ha nessun problema del genere, e consente anche di scattare foto IR a mano libera, mentre - come ovvio - per avere tempi di scatto lunghi si deve ricorrere a filtri ND.


E' stato subito amore, dunque? Si, da un lato. Intendo approfondire l'argomento man mano che il progetto andrà avanti, ma di certo posso dire che avere una fotocamera IR significa accedere dalla porta principale nel mondo del bianco e nero digitale (su questo c'è una grande novità di cui un giorno ti parlerò). Sebbene sia inevitabile una certa postproduzione - tra l'altro la foto è comunque a colori, anche se i colori sono completamente sballati - al momento della ripresa si deve ragionare per luci e ombre, contrasti e gamme di grigio, esattamente come nel bianco e nero tradizionale. Oltretutto, se non si esagera, nemmeno si vede poi così tanto che le foto sono IR, a meno che non si cerchi a tutti i costi un massivo "effetto Wood".

Ovviamente la fotocamera è impostata sul "modo film" in bianco e nero, in modo tale che sul display l'immagine appaia già BN (cosa che faccio normalmente quando scatto in bianco e nero, dunque praticamente quasi sempre). L'infrarosso ha una gamma tonale più ampia del solito, e riesce a mostrare dettagli sia nelle ombre che nelle alte luci, una sorta di  HDR "naturale", insomma. Ma di questo ne parlerò ancora prossimamente. Anche per approfondire gli aspetti che per me davvero contano: quelli creativi, espressivi, artistici, non certo quelli tecnici che - diciamocelo - sono risolvibili con un po' di pratica e qualche dritta!



NEWSLETTER

Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…