Passa ai contenuti principali

Il mondo senza di noi

Il mio progetto sul Passato, realizzato interamente con tecniche analogiche, è un viaggio nella memoria, certo, ma anche una straordinaria opportunità per riflettere sui destini dell'umanità. L'occasione mi è stata data anche dalla rilettura di un bellissimo saggio del 2007 di Alan Weisman, intitolato "Il mondo senza di noi".


"Guardatevi intorno, nel mondo di oggi. La vostra casa, la vostra città. Il terreno circostante, con il manto stradale e il suolo nascosto al disotto. Lasciate tutto com'è, ma togliete gli esseri umani ... Quanto ci metterebbe la natura a recuperare il terreno perduto e ristabilire l'Eden come doveva risplendere e profumare il giorno prima che Adamo, o Homo abilis, facesse la sua apparizione? ... E cosa ne sarebbe delle nostre creazioni più raffinate: la nostra architettura, la nostra arte, le molteplici manifestazioni del nostro spirito?" scrive Weisman, il quale ha intervistato numerosi studiosi e ricercatori per comprendere come le tracce (possenti) della presenza umana potrebbero apparire dopo 48 ore, poi dopo 5 giorni, dopo 100 anni e dopo 500 milioni di anni dalla nostra eventuale scomparsa, magari legata a un devastante virus, come in certi film di fantascienza. 

Il libro è intrigante, pieno di dati e fornisce abbondante materia di riflessione sui nostri sconsiderati comportamenti nei confronti del pianeta.


Ma, e qui sta il legame con il mio lavoro, mi sono reso conto che qualcosa del genere è già avvenuto, in passato. Intere civiltà sono state spazzate via, comunità vitali, quasi dall'oggi al domani, hanno cessato di esistere. 

Magari non nel modo istantaneo che ipotizza Weisman, ma comunque in tempi che - storicamente parlando - appaiono rapidi. Pensiamo a città come Monterano o come Galeria, i cui abitanti si sono stabiliti altrove nel breve volgere di qualche giorno, scacciati da eserciti stranieri. O pensiamo ai terremoti, che insieme alle guerre hanno spopolato Capalbiaccio, nella Maremma grossetana. O San Lorenzo Vecchio, sul Lago di Bolsena, spopolato dalla malaria e dai crolli.

Gli esempi sono innumerevoli come le cause che possono provocare l'abbandono: la peste e altre epidemie, frane, guerre, carestie, o anche il solo spostarsi dei traffici su altre direttrici. E' avvenuto con intere comunità di epoca etrusca, dopo l'invasione romana, e nel Medioevo sono sorte e poi decadute realtà fortificate di varia natura, ma tutte legate a contingenze politiche come minimo instabili. La vita va e viene. E quel che resta sono rovine. 

Un "mondo senza di noi" che a me ha sempre fatto riflettere. Affascinato, ma anche creato un senso di malinconia.


Ma i ruderi e i luoghi abbandonati sono anche il segnale di una possibile convivenza tra l'uomo e Madre Terra. La dimostrazione che l'opera dell'uomo, unita a quella della natura, può creare luoghi straordinari. Forse non dovremmo attendere che subentri l'abbandono per riempire di verde le nostre città, forse non dovremmo allontanarci dalle strade per vedervi spuntare la bellezza di un fiore, o ammirare il volo di una poiana. 

Potremmo decidere di vivere in modo più sostenibile, circondati dalla bellezza, invece che dal cemento e dal traffico veicolare.

Potremmo. Ma non credo che lo faremo. Ci sono troppi interessi sulla bruttezza e sul degrado, a chi può interessare la bellezza e l'armonia che non spingono l'uomo a "consumare" ma solo a "contemplare"? Ecco perché amo i luoghi abbandonati. Sono il mio piccolo Eden, dove posso tornare ad ascoltare il suono più bello, quello del silenzio.


Einaudi Editore - 363 pagine, € 12,30





Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…