Passa ai contenuti principali

Il fascino dell'abbandono e l'ecologia del tempo

Ho da poco terminato di leggere l'ultimo libro di Piero Bevilacqua, intitolato "Ecologia del Tempo". L'autore effettua una disamina su come siano cambiate le cose nel breve volgere di un paio di secoli, da quando, cioè, è iniziata la Rivoluzione Industriale che ha "schiavizzato" il tempo degli uomini dando ad esso - grazie alle teorie di David Ricardo - un preciso valore. 

Ora, infatti, il prezzo delle merci veniva calcolato sulla quantità di lavoro necessaria a produrle, a parte il costo della materia prima. Una teoria ripresa e sviluppata anche da Marx, con intenti diversi ovviamente. Il fatto è che in tutto questo rimaneva fuori la Natura, che le materie prime fornisce e per ricreare le quali impiega tempi lunghissimi. 


Oggi viviamo nell'età dell'accelerazione, secondo Bevilacqua: "il tempo non viene solo organizzato, diviso, ripartito, imposto. Esso viene reso più produttivo comprimendo la sua durata, accorciando i tempi di produzione delle merci, accelerando il ritmo delle macchine e quello del lavoro umano, chiedendo persino una maggiore rapidità di crescita alle piante, attraverso la concimazione chimica e la selezione genetica, e un più spinto ritmo di riproduzione degli animali da allevamento".

Diventiamo tutti servi del cronometro (e dunque di Crono, il Signore del Tempo)


E pensare che sino al XIII secolo non c'erano orologi in giro, e che questi si diffusero in verità molto dopo. E se è vero che se nel Medioevo molti uomini, specialmente contadini, erano quasi schiavi, è anche vero che i ritmi di lavoro erano imposti dalle stagioni e dalla durata del giorno e che - anche per la grande quantità di feste religiose - si arrivavano ad avere sino a 150 giorni festivi!

La drastica diminuzione dei "giorni liberi" si deve proprio all'accelerazione dei ritmi lavorativi, e le macchine che sarebbero dovute servire a liberare l'uomo, l'hanno invece incatenato ancor di più. Succede ancora oggi con le tecnologie digitali: sempre connessi, sempre di fretta, sempre raggiungibili. E non abbiamo più spazi di silenzio, di condivisione autentica, di riflessione profonda.

In fondo anche con la fotografia digitale capita un po' così. Scattiamo a raffica, centinaia, migliaia di foto. Ma a che serve? Non basterebbero solo due-tre foto ben fatte, meditate, realizzate con lentezza, a esprimere quel che abbiamo da dire?


Su questo e su molto altro riflettevo visitando la segheria annessa a una vecchia cava di peperino: il tutto abbandonato da vent'anni e oramai fatiscente. L'azienda nacque ai primi del '900 e dopo un secolo venne chiusa per mancanza di redditività, e per l'esaurirsi della bancata di peperino. Il rumore, anzi il frastuono, che in quei capannoni rimbombava per 10 ore al giorno, ora è sostituito dal canto degli uccelli e dallo stormire delle foglie delle piante cresciute nelle intercapedini. I macchinari sono stati portati via, restano solo scheletri. E ricordi. Un velo di malinconia che si appiccica alla mia mente come la brina che tutto ricopre in questa fredda mattina invernale. 

Non è ancora sorto il sole. Sistemo il mio treppiedi e monto una vecchia fotocamera in bachelite degli anni '50. Allora la cava era in piena attività, e magari gli operai quando andavano in vacanza fotografavano la moglie e i figli sulla spiaggia con una fotocamera come questa, una Hamaphot P56, chissà. 

Compongo la scena con lentezza. Mi impongo di essere lento, anche se voglio scattare la foto prima che arrivi il sole a sciogliere la magia. Ho caricato un negativo di carta che mi taglio da me e monto manualmente sul rocchetto (sempre lei, la lentezza): sensibilità 6 Iso. Premo lo scatto flessibile: 20 secondi di attesa e la foto è fatta. Uno sprazzo di quell'eternità è catturato. 


Il mio tempo vorrei smettere di barattarlo: questa esasperata lentezza analogica è la mia personale ecologia del tempo. Il tempo ritrovato per dirla con Proust.

Castelvecchi, 2018 - 100 pagine, € 13.50






Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…