Passa ai contenuti principali

La fotografia è una cosa seria? Se, vabbe'...

La fotografia è oggi troppo importante per essere presa sul serio. In fondo, è diventata il nuovo linguaggio popolare. Le aziende comunicano con le immagini, e così anche le persone. Siamo in piena overdose di fotografia.

Chi vuoi che possa ancora ritenerla qualcosa che valga la pena tenere in alta considerazione?


Il fatto è che ci sono così tante immagini, che per emergere si deve necessariamente scegliere tra due opzioni: o si segue il mainstream, però alzando in continuazione l'asticella, cioè ricorrendo a trucchetti da due soldi, oppure bisogna creare qualcosa di talmente "spettacolare" che non lo si possa non notare. In entrambi i casi la fotografia ci perde. Perché non si sfrutta la propria sensibilità, la propria immaginazione, ma solo la tecnica. Si torna alle origini, quando la fotografia non era considerata in grado di esprimere davvero qualcosa di personale, di artistico.

Hai notato, ad esempio, quanti paesaggi con spettacolari raggi di sole (le cosiddette fotometeore) che filtrano tra i rami degli alberi si possono oramai vedere online, anzi ovunque? E che colori accesi, carichi, corposi hanno i paesaggi al giorno d'oggi? 

Beh, con meno di 60 € ti basta acquistare il software Luminar della Skylum e potrai aggiungere tutti i raggi di sole che vuoi, o enfatizzare al massimo i toni e i colori delle tue foto con un semplice click. Guardati il sito: è facile, alla portata di tutti.

La superficialità è norma,  assioma, dogma. 


Secondo Alex Schneidemann, che ne scrive su "B+W Photography" di maggio 2018, un Bounce Rate del 90% è normale per un sito di fotografia creativa

Cos'è il BR?  Letteralmente è la frequenza di rimbalzo che un sito esprime: in pratica se vai su un sito, dai una rapida occhiata e te ne vai ancor prima di aver letto qualcosa, ecco, contribuisci ad alzare il Bounce Rate di quel sito, almeno secondo Google Analytics! 

Questo significa che i siti e i blog che trattano un "certo tipo" di fotografia, vengono visitati da molte persone che, nella quasi totalità, se ne vanno dopo pochissimi secondi. Sono capitati lì per sbaglio: pensavano di trovare tutorial su come creare raggi di sole finti per la propria foto (che è cosa molto "creativa" si sa), o come trasformare la propria foto a colori in un bianco e nero "stile Tri-X" grazie a qualche trucchetto facile facile. Oppure cercavano foto di gattini, nudi "artistici", bei tramonti da condividere. Invece trovano uno che gli parla di immaginazione, creatività, consapevolezza, e cose del genere. Ovvio che scappino.


A onor del vero, il Bounce Rate di questo mio blog è bassissimo, nemmeno l'1%. Chi arriva sa esattamente cosa aspettarsi! Certo, non ho molti lettori, ma fa niente: pochi ma buoni, come dice il saggio. E il pubblico non va esteso: semmai va ridotto

Bisogna insomma rivolgersi solo a quelle persone che, per cultura e sensibilità, possano comprendere e apprezzare i contenuti di un blog di nicchia qual è questo, ad esempio.

Tuttavia, mi rendo conto che questo blog va troppo a sovrapporsi (inutilmente) con quello (ben più popolato) che tengo su Reflex-Mania e che si chiama "Effeventidue". Lì, ogni due settimane, posto un'articolata riflessione sui massimi sistemi, e lì, d'ora in poi, posterò anche articoli un po' più leggeri e scherzosi, come quelli che, sinora, inserivo qui su Kelidon.

Ma questo blog continuerà ad esistere. Sarà però concentrato su aspetti più direttamente collegati ai miei progetti, al modo in cui affronto lo "storytelling" dal punto di vista fotografico. Continuerà a essere un blog anarchico, che alternerà post di varia natura, sebbene sempre direttamente o indirettamente legati al mondo della (mia) fotografia.

Insomma, sarà davvero il mio blog "personale".

Te lo dico perché così se credi che di tutto questo non ti freghi nulla, non tornerai inutilmente a visitarlo, aumentando il mio Bounce Rate. Ma sappi che se vieni con l'intenzione di leggere almeno le prime 10 righe di quel che scriverò, beh, te ne sarò davvero grato.


E a proposito: Buone Feste! Ci si rivede (o meglio, ci si "rilegge") nel 2019!





Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…