Passa ai contenuti principali

Come NON diventare un fotografo popolare sui Social (in 5 semplici mosse)

Più di qualcuno me l'ha fatto notare. "Marco" mi han detto, "se continui a postare 'ste foto chi vuoi che ti metta i like?". La cosa potrebbe finire in un sonoro "ecchisenefrega!", però no, la voglio approfondire, se non per sfogarmi almeno affinché la cosa sia utile ad altri. 

Diciamo a coloro che vogliono diventare fotografi popolari sui Social (Instagram, Facebook, Twitter, ma anche Flickr, 500px, ecc.) - e allora basta che NON facciano quel che sto per consigliare anzi facciano il contrario - oppure a coloro che se ne fottono dei Social e vogliono darsi un tono sostenendo: "mi si nota di più se sono popolare, o se non mi caca nessuno?", stile Nanni Moretti.


Questi di seguito sono i motivi per cui io non sarò mai popolare sui Social e non avrò mai centinaia di migliaia di followers osannanti ai miei piedi, o ammiratori in grado di decantare per ore gli splendori delle fotografie che ho appena condiviso. Ma soprattutto questi sono i consigli per diventare come me e poter andare in giro a testa alta ben sapendo di far parte di una elite esclusiva e molto segreta. Talmente segreta che tutti ne ignorano l'esistenza. Come dev'essere, o no? Altrimenti che segreto sarebbe? Hmmmm.

- Innanzitutto cancella i colori, scordateli proprio. Solo bianco e nero. Il mio profilo Instagram presenta solo foto in bianco e nero, ad esempio. La gente ama i colori, le foto squillanti e dalle tonalità allegre ed esagerate. Mai dare alle persone quel che credono di volere: il compito di ogni artista è decidere lui cosa la gente dovrebbe apprezzare! Il bianco e nero appunto, che lo sanno tutti è molto più artistico, ed evita la tentazione di fotografare il solito cazzo di tramonto sulla spiaggia, che senza i colori a che serve?


- Poi lavora in analogico. Sto realizzando un ampio lavoro in bianco e nero analogico, e sono certo che le persone - in buona parte - non capiscono nemmeno lontanamente che cosa voglia dire. I più acculturati penseranno si tratti di una app per lo smartphone, quella collocata tra l'effetto "Toy Camera" (toy che?) e l'effetto "foro stenopeico" (eh?!), gli altri ignoreranno la parola pensando che voglio farmi grande utilizzando una terminologia complicata. Una foto è una foto, che minchia. Ma siccome mi rivolgo a chi è in grado di capire una certa terminologia (quei tre-quattro in tutta Italia), non me ne cruccio più di tanto.

- Scegli soggetti che le persone non siano in grado di comprendere. Ad esempio, in questo periodo, per il citato progetto, sto fotografando ruderi, luoghi abbandonati, siti archeologici sparsi per boschi, forre e macchie. "Ma che sarebbero 'sti quattro sassi?" mi ha detto un amico. Se i quattro sassi fossero  stati a portata di mano glieli avrei tirati in testa, ma in quel momento era complicato. Fa niente: i soliti tre-quattro amatori del bianco e nero, analogico, con soggetto i ruderi potranno sicuramente mettere un mi piace striminzito che però, lo sappiamo tutti, vale molto di più dei trecentomila "like" ricevuti dalla solita foto a colori, al tramonto, con nubi colorate, fatta al Grand Canyon. Maledetti yankee.


- Aggiungi titoli e commenti che facciano sentire idiote le persone. Cose come "l'estasi dell'eterno", o ancor meglio degli ossimori: "la lentezza della velocità", "un'allegra tristezza" o anche "una triste allegrezza" che è anche meno banale o, come mi verrebbe da dire adesso, "un'intelligente stupidata" (ma così ti sgamano). Ricorda sempre che l'artista ha come scopo primario far sentire inadeguato il suo pubblico, il quale non arriva mai a capire le opere che gli vengono democraticamente proposte sui Social. Ma di questo l'artista gioisce, laddove il solito cercatore di popolarità cadrebbe in depressione. Ma tu non devi mica decorare bottiglie d'acqua minerale e venderle a 8 euro l'una, sei di ben altra pasta e nei supermercati ci vai solo a far la spesa, se ti resta qualche spicciolo.

- Non offrire spiegazioni. Mai! Mai! "Se la devi spiegare vuol dire che non è venuta bene" diceva Ansel Adams paragonando fotografie e barzellette. Ora tu non ti abbasserai mai a spiegare a un misero parvenu culturale che cosa hai inteso rappresentare con la tua foto bianco e nero, analogica, con soggetto un rudere, e titolo incomprensibile. E allora! Son capaci tutti a dire che siccome uno ha scattato una foto a un rudere, allora quella foto rappresenta un fottuto rudere. Eh no! Il rudere rappresenta altro, come anche se fotografi una sedia quella mica è una sedia. Ma la studia la gente la storia dell'Arte? C'è stato Duchamp o no? Ha sdoganato il Ready Made o no? E che stiamo qui a pettinare le bambole? A smacchiare i leopardi? Eh su, dài! (su  questo alza la voce, devi essere convincente anche se su Duchamp non sai un cazzo e pensi che i Ready Made siano i surgelati da cuocere nel microonde: inganna! fingi!).

Se nonostante tutto questi ricevi comunque commenti positivi e ci sono utenti che addirittura hanno capito le tue fotografie e (incredibile!) le apprezzano, vuol dire che sei ancora troppo figurativo, troppo comprensibile, troppo diretto. Non va! Lavoraci su, hai visto mai che mi diventi un "influencer"?

 My God, un Influencer noooo!







Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Rollei Infrared - Una piccola recensione

Prima di tutto una breve nota: sabato 1 dicembre alle ore 18.30 terrò un breve Webinar gratuito su analogico e digitale, parlando anche del mio approccio "ibrido". Se sei interessato o semplicemente curioso, basta andare sulla mia pagina Facebook "Colorseppia" il giorno della diretta. Non serve altro.

E a proposito di analogico e digitale, io sono sempre stato un amante della fotografia all'infrarosso, ma come molti ho iniziato a praticarla attivamente solo con l'avvento del digitale, che la rende facile e di immediato riscontro. Ma poi, preso dai rimorsi per aver scelto la strada più facile - che com'è noto conduce direttamente all'inferno - ho ordinato qualche rullo di Rollei Infrared, che da quando la Efke ha dato forfait è tra i pochi materiali IR analogici disponibili con relativa facilità (sebbene i tempi di attesa per ricevere a casa i rulli siano un po' lunghi, a volte). In pratica a parte la Ilford FSX e la Film Washi Z (e volendo la Ro…

10 buoni propositi per il 2019 che non rispetteremo (guida sragionata)

Mi dico sempre che l'inizio di un nuovo anno è solo una convenzione. Per molti popoli non è il 31 dicembre, anzi per molti popoli non è nemmeno il 2019 (gli ebrei stanno circa al 5777, ad esempio). Figuriamoci. Dunque a che serve tutta questa retorica sul "nuovo inizio"? A parte a far guadagnare ristoranti, discoteche e venditori di botti, sicuramente a niente.

Ma i propositi hanno la caratteristiche che te li imponi e poi non li rispetti mai, nemmeno il primo, il fondamentale (il n°10 dell'elenco sotto). Perciò eccomi qui a fare la lista dei 10 buoni propositi (quelli cattivi non serve elencarli, che li conosci bene) che ogni fotografo dovrebbe porsi per il 2019 (ma sono gli stessi da cinquant'anni almeno).
Di buoni propositi noi fotografi ne abbiamo una caterva. Li scrivevamo un tempo sull'ultima pagina dell'agenda dell'anno precedente (io almeno facevo così), e insieme a quest'ultima il più delle volte li buttavamo nel cestino. Poi è arrivato …