Passa ai contenuti principali

La creatività al plurale

Nei miei corsi e nei miei libri, insisto molto sul fatto che la fotografia dovrebbe essere sempre una piena e completa espressione dell'autore, un modo per comunicare idee, emozioni, sensazioni o anche solo ricordi, sguardi, spunti più o meno creativi.

Non ho un'idea necessariamente "aulica" del contenuto della fotografia, che anzi può anche essere piuttosto "basso", per così dire. Insisto solo sul fatto che comunque occorra prima farsi un'idea di quel che si vuol trasmettere e poi fotografare, non applicare pedissequamente quelle quattro regolette imparate a memoria.


Il fatto è che non sempre la singola foto può bastare a raccontare la storia che abbiamo in mente, o a trasmettere le emozioni che ci hanno sollecitato a metter mano alla fotocamera. Il più delle volte occorre lavorare per serie di fotografie: che sia un reportage, una raccolta di immagini, o un polittico poco importa. In linea generale, la serie porta a un effetto moltiplicatore che tutti i fotografi esperti conoscono e inseguono, sebbene esista anche l'effetto contrario: cioè che una bella foto venga "ammazzata" quando la mettiamo insieme ad altre meno efficaci.

La somma deve essere maggiore delle singole parti, e davvero 1+1=3, come recita la filosofia del "third effect". In tal senso, a volte si vedono progetti composti da foto che - prese singolarmente - non sono particolarmente creative, al più "strane". Di esempi se ne potrebbero fare molti: penso ai New Topographics, ad esempio, con immagini davvero molto oggettive che solo dialogando tra loro rivelano una linea ben definita, un modo di guardare al mondo originale e (per l'epoca) innovativo.

Nello specifico facciamo l'esempio dei coniugi Becher: una loro fotografia di un impianto industriale realizzata col banco ottico, il cielo grigio (anzi, in genere bianco, nella foto) e le linee perfettamente parallele, sembrerebbe solo la mera riproduzione di un'architettura utilitaristica. Ma mettiamole insieme, queste foto, con riprese dello stesso impianto da diversi punti di vista, e ci rendiamo conto che i due fotografi hanno utilizzato l'oggettività in modo estremamente creativo, per trasmettere una sensazione di straniamento in cui l'esaltazione delle pure forme si affianca a una sorta di malinconia da "Tempi Moderni".


Questo ti dovrebbe convincere una volta per tutte che il fotografo ha a disposizione molti strumenti diversi, tutti legittimi. 

La fotografia in prima istanza, come elemento base, ma poi anche l'editing, cioé la selezione e la messa in riga delle varie fotografie, l'impaginazione (sia di un libro, ma anche una mostra si "impagina"), le parole, che siano brevi didascalie, o testi più lunghi, interi saggi o anche parole prese da altri autori, e così via.

Davvero, quel che conta più di tutto è l'intento, quel che si è deciso di voler dire. E in questa scelta iniziale risiede, io credo, la vera creatività.


_______________________________


Il mio nuovo libro!
Clicca sulla copertina per saperne di più.

Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Rollei Infrared - Una piccola recensione

Prima di tutto una breve nota: sabato 1 dicembre alle ore 18.30 terrò un breve Webinar gratuito su analogico e digitale, parlando anche del mio approccio "ibrido". Se sei interessato o semplicemente curioso, basta andare sulla mia pagina Facebook "Colorseppia" il giorno della diretta. Non serve altro.

E a proposito di analogico e digitale, io sono sempre stato un amante della fotografia all'infrarosso, ma come molti ho iniziato a praticarla attivamente solo con l'avvento del digitale, che la rende facile e di immediato riscontro. Ma poi, preso dai rimorsi per aver scelto la strada più facile - che com'è noto conduce direttamente all'inferno - ho ordinato qualche rullo di Rollei Infrared, che da quando la Efke ha dato forfait è tra i pochi materiali IR analogici disponibili con relativa facilità (sebbene i tempi di attesa per ricevere a casa i rulli siano un po' lunghi, a volte). In pratica a parte la Ilford FSX e la Film Washi Z (e volendo la Ro…

10 buoni propositi per il 2019 che non rispetteremo (guida sragionata)

Mi dico sempre che l'inizio di un nuovo anno è solo una convenzione. Per molti popoli non è il 31 dicembre, anzi per molti popoli non è nemmeno il 2019 (gli ebrei stanno circa al 5777, ad esempio). Figuriamoci. Dunque a che serve tutta questa retorica sul "nuovo inizio"? A parte a far guadagnare ristoranti, discoteche e venditori di botti, sicuramente a niente.

Ma i propositi hanno la caratteristiche che te li imponi e poi non li rispetti mai, nemmeno il primo, il fondamentale (il n°10 dell'elenco sotto). Perciò eccomi qui a fare la lista dei 10 buoni propositi (quelli cattivi non serve elencarli, che li conosci bene) che ogni fotografo dovrebbe porsi per il 2019 (ma sono gli stessi da cinquant'anni almeno).
Di buoni propositi noi fotografi ne abbiamo una caterva. Li scrivevamo un tempo sull'ultima pagina dell'agenda dell'anno precedente (io almeno facevo così), e insieme a quest'ultima il più delle volte li buttavamo nel cestino. Poi è arrivato …