Passa ai contenuti principali

Fotografie d'epoca

"E' talmente ovvio che non l'avrei mai immaginato" (Cid Corman, poeta)

Guardare vecchie fotografie è un esercizio utile. Utilissimo, anzi. Io lo faccio regolarmente con le fotografie scattate magari cent'anni fa, o anche prima. Fotografie Pittorialiste, Preraffaelite, Romantiche, iconograficamente sorpassate come i telefoni in bachelite, eppure così suggestive, così significative. Almeno per me.

Ho addirittura cominciato a farmele da me, le foto d'epoca. 


Che è un ossimoro, lo so, ma io credo davvero che se si entra in una certa mentalità  - anche passatista te lo concedo - e se si riesce a pensare come si sarebbe pensato decenni fa, e si guarda con lo sguardo che si avrebbe avuto allora, e se si utilizzano le fotocamere di allora, le pellicole simili a quelle di allora, ebbene è possibile scattare una fotografia che è già "vecchia", "antica", sorpassata, anche se fatta oggi, e magari anche "lavorata" in digitale. E' l'atteggiamento che conta.

Mi chiederai: perché mai fare una cosa del genere? Sembra una stupidata. In effetti lo è, in buona parte.

Il fatto è che però io amo le foto d'epoca, l'ho detto. Trovo il presente a volte insopportabilmente banale, la fotografia digitale così straziante nella sua pretenziosa precisione. Non mi fa sognare, se non in rari casi. La trovo utile, anzi indispensabile, se voglio documentare un luogo.

E la trovo formidabile se debbo sperimentare tecniche strane, come le esposizioni multiple o l'ICM. Per queste cose qui è imbattibile. Permette di fare un sacco di cose: io adoro la fotografia digitale, davvero!


Eppure un po' la odio. Quando vorrei sognare a occhi aperti, e fotografare di conseguenza, allora no, il digitale non va, non funziona. Mi serve la pellicola, mi serve l'odore di vecchio, mi serve che le foto nascano già come se avessero cinquant'anni. Mi serve scattarle con vecchie fotocamere ammuffite.

Sarà anche il desiderio di tornare bambino, e son certo che uno psicologo potrebbe anche farci su uno studio. Ma visto che un sacco di gente sta tornando al vinile per ascoltare la musica, oggi che viviamo nell'epoca dell'MP3, in fondo penso di non essere poi così fuori dal mondo.


Viviamo anche nell'epoca in cui se non è straordinario, allora non vale niente. Qualsiasi cosa dev'essere "esplosiva" e grandiosa, deve stupire e lasciare senza fiato. L'ovvio, il quotidiano, il banale non interessa a nessuno.

Per questo ci si è lasciati volentieri alle spalle la fotografia analogica: il digitale offriva (e offre) un modo di guardare al mondo tutto nuovo, colmo di "magnifiche sorti e progressive". Eppure se ci pensiamo su, il 90% e più della nostra vita, della vita di tutti, non è affatto straordinaria: spesso è anzi decisamente noiosa.

Fotografare ciò che è straordinario, che "esce fuori dall'ordinario", letteralmente, significa dimenticare le nostre vite, perdere l'essenza stessa di quella magia ripetuta all'infinito che è il quotidiano.

Ovvio, non credi? Di un'ovvietà tale, che la gran parte dei fotografi proprio non riesce a immaginarselo, figuriamoci a fotografarlo...



Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…