Passa ai contenuti principali

Nel mondo si producono troppe foto! Davvero?

Si stima che ogni giorno si producano nel mondo 800 milioni di fotografie, nella gran parte dei casi grazie agli smartphone. Non solo: anche il numero di fotografie prodotte seriamente, cioè da professionisti, e specialmente fotogiornalisti, è aumentato parecchio: e questo è strano, considerando che mai come ora il settore è in crisi. Ma evidentemente si produce di più perché si viene pagati meno...


Normale, dunque, che si giunga alla conclusione che di fotografie, nel mondo, se ne producano "troppe", che ogni gesto quotidiano divenga occasione di uno scatto, che non si riesca più a comunicare senza condividere uno "shoot", che gli eventi non possano esistere senza la prova provata di una (magari brutta) fotografia.

Troppe foto banali, sciatte, senza profondità, spesso senza cuore o almeno un po' di intelligenza, scattate solo perché oramai la fotocamera ce la portiamo sempre dietro, inserita nel telefono cellulare, e alla fine "che mi costa?".


Ma in verità le foto non sono "troppe": sono troppe quelle che inseguono sempre le stesse notizie e sempre allo stesso modo, cioè allineandosi al "mainstream", sono troppe quelle che raccontano sempre le stesse storie, sempre le stesse emozioni (superficiali), che guardano il mondo sempre con lo stesso sguardo veloce, pieno di preconcetti, di già visto, di rancore o senza approfondimenti.

Sono troppe le foto che si lasciano guardare fugacemente, che dimentichi dopo un istante, che non ti fanno pensare o emozionare, che non dicono nulla, che non intendono comunicare nulla se non l'ego di chi le ha scattate.

Sono troppe le foto  che non indagano, che non cercano, che non rivelano, che non mostrano "cos'altro è"; sono troppe quelle che ingannano, orientano, fanno propaganda, cercano subdolamente di suggerire risposte utili al potere, alla massa, agli interessi dei singoli.

Queste si, sono davvero troppe.


Le foto non sono troppe, sono invece troppo poche: mondi interi giacciono inesplorati (almeno fotograficamente), realtà sconosciute attendono chi voglia indagarle.

Nel mondo ci sono decine di guerre, ingiustizie, drammi, carestie, epidemie, e non ne sappiamo nulla. A parte pochi coraggiosi fotoreporter, nessuno le racconta, e comunque nessuno le pubblicherebbe. Mentre sappiamo tutto di eventi privi di reale interesse, delle cose importanti non abbiamo nemmeno un'immagine.

Interi villaggi vengono spazzati via, gli uomini uccisi, le donne violentate, e noi lo ignoriamo.

Interi ecosistemi spariscono, specie animali si estinguono, e nessuno lo racconta, a parte qualche associazione di volontari.

Inquinamenti, pulizie etniche (pensiamo ai popoli tribali, in Asia, in Amazzonia), dittatori che vanno e vengono, persecuzioni politiche... come si può sostenere che manchino i soggetti da riprendere le storie da raccontare? Purtroppo non mancano.


E anche a livello puramente creativo, quando siamo di fronte alla poesia della Natura, alla magnificenza della Terra che si nasconde anche nelle piccole cose, o a quella dell'animo umano quando si esprime liberamente (anch'esso spesso nascosto nei piccoli gesti), insomma quando ci troviamo a tu per tu con la poesia del quotidiano, del sorgere e tramontare del sole, della vita delle persone e del volo degli uccelli, chi si impegna davvero a raccontarle? Pochi, pochissimi fotografi.

Perciò, come possiamo sostenere che le fotografie siano "troppe"?

Non lo sono: ogni giorno ne sento la mancanza e, in quel balenare di milioni di immagini che sembrano volermi seppellire (come nella famosa installazione di Erik Kessels "24HRS in Photos"), purtroppo, le trovo di rado...



Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…