Passa ai contenuti principali

La fotografia e il silenzio



Qualunque siano il rumore e la violenza che la circondano, la foto restituisce l’oggetto all’immobilità, al silenzio” (Jean Baudrillard)

La fotografia congela il tempo e impone il silenzio alle cose, sostiene non senza ragione il filosofo Baudrillard (“Patafisica e arte del vedere”, 2006), anche perché rispetto al cinema e alla televisione non produce alcun rumore. Alcun rumore proprio, più esattamente. Non ha, per essere più precisi, il sonoro, non quello che attiva i timpani nelle orecchie, almeno.

Infatti, la silenziosità della fotografia è legata anche alla fruizione che se ne fa. 

Se la si inserisce in un Social Network o su un quotidiano, il rumore del mondo – non fisico, ma comunque reale – torna a inghiottirle. 

Già in altre occasioni ho avuto modo di parlare di quella che io chiamo “fotografia quieta”, che è tale non soltanto per le modalità di scatto e per i soggetti ripresi, ma per la sua stessa natura: diciamo che nasce quieta già nelle intenzioni dell’operatore, di colui che esegue le scelte che porteranno allo scatto e poi alla condivisione.

Solo un’anima quieta può fare fotografie quiete. Solo un anima che rimane nel silenzio, sa esprimersi in fotografie colme di silenzio.


Per Meister Eckhart (1260-1327) "tutto quello che Dio chiede agli uomini è un cuore pieno di pace"  perché l'intuizione, che ci permette di scoprire la divinità in noi, "è figlia del silenzio". E gli faceva eco in qualche modo Herman Melville quando scriveva: "il silenzio è l'unica voce del nostro Dio... tutte le cose profonde e le emozioni sono precedute e accompagnate dal silenzio".

Eppure, viviamo in un'epoca che ha il terrore del silenzio, e lo riempie di rumori, di parole, di musica; nei Centri Commerciali non manca mai un sottofondo musicale (generalmente banale), e non possiamo andare in spiaggia senza che si venga inondati da un "tump tump tump" che serve a coprire il suono delicato delle onde che si frangono sulla battigia (se proprio vuoi un sottofondo mentre leggi questo post, prova con "Enjoy the Silence" dei Depeche Mode, allora).

Forse è per questo che anche le fotografie, oggi, fanno rumore. Lo fanno direttamente, grazie alla tecnologia, organizzate in "slide show" con tanto di musica ritmata (o noiosissima musica ambient) per venir magari condivise su YouTube, o lo fanno in maniera indiretta, attraverso la scelta di soggetti che urlano, colorati, violenti, che si impongono all'occhio, che sono come certi commenti sui Social scritti in maiuscolo. "Ehi, tu! Guardami!!!", dicono, e in quella richiesta urlata esauriscono tutto il loro significato. 

Come un fuoco artificiale fanno tanto rumore e tanta luce, ma durano solo un attimo.


Ma guardale, le "fotografie del silenzio", che ispirano non necessariamente un senso di pace (prendi le foto di guerra di Nachtwey, ad esempio), ma che comunque non urlano, ma invitano alla riflessione, alla comprensione, all'approfondimento.

Il silenzio si può fotografare: lo hanno fatto Weston, Adams, Michael Kenna ("cerco il silenzio" - ha detto in un'intervista - "come fuga dal rumore di fondo del mondo"), Franco Fontana e tanti, tanti altri. 

Guardati ad esempio questa strabiliante serie realizzata in Cina lungo lo Yangtze dal fotografo israeliano Nadav Kander: si respira un senso di attesa, anche angosciante a volte, ma nelle foto non vola una mosca. Hai quasi paura a parlare, per non rompere l'incanto. Un lavoro magnifico.

O guarda queste foto invernali scattate attraverso un parabrezza bagnato di pioggia dal fotografo americano Todd Hido. Non c'è nessuno in giro, sembrano scene post-atomiche, solo il vento e la pioggia fanno rumore: si sente il ticchettio sul tetto dell'automobile, o no?

Sarà per questo che oggi vanno tanto di moda i video, che fanno molte più visualizzazioni sui Social delle parole ma anche delle stesse fotografie. Attaccate a un muro, esibite in un libro o in un portfolio, le fotografie sembrano mute, e come oggetti lo sono senz'altro. E' la loro grande dote e, per certi versi, il loro grande limite, secondo molti.

Ma in verità sanno gridare, eccome. Ci sono fotografi che su questo hanno creato carriere di successo: chi sa "farsi sentire" più di Oliviero Toscani, ad esempio? Sia di persona che attraverso le sue foto, s'intende. E pensiamo a David LaChapelle, il fotografo del kitsch, i cui affreschi fotografici non possono proprio passare inosservati, e sono fatti apposta.


Sia chiaro, urlare per farsi ascoltare non è sempre sbagliato o un difetto, anzi. A volte è necessario, a volte utile. Ma oggi che tutti urlano, la grande aspirazione che dovremmo avere è essere "fotografi del silenzio": cercarlo dentro di noi, metterlo su pellicola o sul sensore.

Un proverbio arabo recita: "parla solo se quel che stai per dire è più bello del silenzio". E se è più bello del silenzio, allora, fotografalo!








Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…