Passa ai contenuti principali

Il fotografo bravo bravo. Ma proprio bravo.

Prova ad andare su un forum o in gruppo Facebook e lancia una discussione su un tema tipo: come si riconosce un bravo fotografo da uno scarso? Riceverai opinioni assurde, sballate, pazzesche, qualche idea buona, numerosi insulti e in breve il tutto degenererà in un casino pazzesco.


Diciamo subito (così mi levo lo scrupolo di dire qualcosa di intelligente prima del cazzeggio che seguirà) che i fotografi bravi non esistono, esistono persone che sanno pensare, provare emozioni e comunicarle grazie alla fotografia. Augh!

Ad ogni modo voglio venirti incontro, esserti d'aiuto nel malaugurato caso un giorno tu volessi sfrugugliare (voce del verbo sfruguglio = stimolare, sollecitare) la Rete proponendo discussioni inutili come quella in apertura, e ti offro queste dieci considerazioni, massimamente inutili ma anche immensamente intelligenti e profonde.  Fanne buon uso.

1 - Il bravo fotografo si guarda bene dall'avviare su Facebook o altri Social discussioni su come riconoscere un bravo fotografo: se lo fa è un pirla e dunque non è davvero bravo;

2 - il bravo fotografo scatta solo fotografie ben fatte, a fuoco, non mosse, molto nitide, in grado di sfidare la prova del 100% (su schermo da 27 pollici o più);

3 - il bravo fotografo acquista di conseguenza fotocamere acconce ai suoi scopi: schifa tutto ciò che non sia Full Frame, fa gli straordinari per mettere da parte i 40mila euri necessari all'acquisto di una Hasselblad digitale, che sogna da una vita, e analizza i file al 400% per vedere se si distingue un filo d'erba comune da una Poa annua o da un Lolium tepulentum;

4 - il bravo fotografo, per quanto sopra, acquista solo le migliori lenti (guai a chiamarli obiettivi!) che il suo portafoglio consente, e in caso fa acquisti a rate, e in caso si fa prestare i soldi, e in caso va dal cravattaro, gioca a poker clandestino, fa scommesse illegali o cosette del genere. Tutto, pur di impossessarsi di uno Zeiss Otus, di un Sigma Art, di un Leica Summicron. In generale, un obiettivo senza nome e cognome gli fa schifo;


5 - il bravo fotografo acquista solo i migliori accessori: filtri in vetro Schott, treppiedi in fibra di carbonio aereonautico con testa in magnesio spaziale e pomelli in zircone lavorato a mano, borse in cuoio di elefante in via d'estinzione e interni in pelliccia di leopardo delle nevi;

6 - il bravo fotografo conosce a menadito tutte le regole della fotografia, le porta stampate nel cervello: la regola dei terzi, la  sezione aurea, gli equilibri delle masse, dei toni, delle ombre e delle luci, applica senza sbagliare il Sistema Zonale di Ansel Adams anche se gli hanno detto che non serve a un cazzo col digitale (ma non si sa mai), applica alla perfezione il bilanciamento del bianco e conosce a menadito il metodo dell'ETTR (Expose To The Right);

7 - il bravo fotografo esegue al volo, in un millisecondo, il calcolo della profondità di campo, sa applicare senza indugio l'iperfocale, il rapporto d'ingrandimento nella macro e mille altre formule del tutto inutili - visto che ha una fotocamera più intelligente di lui - ma in questo modo dimostra inequivocabilmente la propria superiorità;

8 - il bravo fotografo sa perfettamente come mettere in posa una modella, meglio se nuda. Anzi, nuda per forza, che i vestiti per il bravo fotografo sono un impiccio assurdo. Il corpo della modella, nelle sue mani, diventa materia di creazione artistica: ha studiato tutti i grandi fotografi di nudo, e sa riprodurre alla perfezione le loro pose (in pratica le loro idee). Ama mettere modelle nude dove non dovrebbero essere (in piazza, al supermercato, sul sagrato di una chiesa), perchè la creatività, quando chiama, va seguita;



9 - il bravo fotografo conosce tutti gli schemi di illuminazione, la luce Rembrandt, quella frontale, dal basso, dall'alto, di dietro, da lontano, da vicino, l'high key, il low key e via elencando; possiede e utilizza con maestria flash portatili a saponetta, bare bulb, da studio, e poi ombrelli, bank, pannelli riflettenti e chi più ne ha più ne metta;

10 - infine, il bravo fotografo conosce la fotografia, la sa usare, la piega ai suoi desideri. Le sue foto non possono essere criticate: vanno "lette", le sue foto non possono essere sbagliate: semmai sono "troppo avanti", le sue foto non possono far cagare: sono "l'iconografia dell'oggi", riprese con "sguardo penetrante", colme di "sensata insensatezza del senso".

Se il fotografo rispetta questi dieci punti, vai tranquillo: è un bravo fotografo. Che è come a dire: un bravo elettricista, o un bravo idraulico. Come questi non ti manderanno in corto circuito l'impianto elettrico di casa o non ti allagheranno il bagno, così il primo fornirà fotografie assolutamente perfette.

Tuttavia sono ragionevolmente certo che un impianto elettrico o idraulico ben fatto sanno essere molto più creativi e interessanti delle fotografie di un bravo fotografo. Ma questo, al bravo fotografo, è meglio non dirlo...



Commenti

  1. Finalmente me....scarso fotografo....trova uno spazio di vita...GRAZIEEEEE

    RispondiElimina
  2. Cosa consigli ad una come m e che non sarà mai una brava fotografa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non devi MAI essere una brava fotografa! Sei un'ottima persona, dunque non ti serve altro per fare fotografie degne. Come ti dico sempre, le fotocamere sono un accessorio sopravvalutato... :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…