Passa ai contenuti principali

Come utilizzare i riflessi


Non sempre è necessario mettere in campo tecniche complicate o "eroiche" per ottenere una fotografia che racconti qualcosa. Un pomeriggio di tre anni fa ero sulle rive del lago di Vico, in provincia di Viterbo, quando mi son reso conto che il lago era davvero lo "speculum coeli" (specchio del cielo) che cercavo. 

Avevo dato quel titolo a un mio progetto, e per un po' mi sono aggirato tra il lago di Bolsena, il lago di Bracciano, quello di Mezzano e appunto Vico inseguendo riflessioni varie: sia quelle fisiche nell'acqua, sia quelle cerebrali, è ovvio. Come dico sempre, l'accessorio da non dimenticare mai a casa è la nostra sensibilità (o mente, o cervello, o anima, chiamala come vuoi).

Quel giorno lì l'assenza di vento dava al lago la possibilità di replicare quasi alla perfezione tutto ciò che stava al di sopra della superficie liquida. Per fortuna il cielo era percorso da solitari nembi, che assumevano le forme più varie. Ero estasiato, anche dall'atmosfera, dalla sensazione di silenzio e pace che, credo, si noti anche dalla foto.

Una foto semplice, come vedi. Stavolta davvero lo sforzo è stato principalmente quello di scegliere un'inquadratura adeguata. Il risultato mi sembra interessante. 

In altre occasioni, magari, non è così immediato scattare la foto, occorre uno sforzo in più per vedere  quel che abbiamo davanti. Tempo fa ho montato in cornice una foto a cui tengo molto, tratta dallo stesso progetto. Eccola.


Anche questa foto è molto semplice, ma meno immediata della precedente. Innanzitutto il progetto, a questo punto, era diventato in bianco e nero (non resisto, io vedo il mondo così), poi la luce, che lo ribadisco ad nauseam, è sempre il vero soggetto di ogni foto, è decisamente diversa, praticamente uniforme, grazie a un cielo nuvoloso. 

Il lago è quello di Bolsena, e anche in questa situazione era piatto, assolutamente senza onde. Un tronco sbucava dall'acqua e si rifletteva in modo perfetto, creando una bella forma. La foto era già buona così, ma sapevo che poteva migliorare. 

In lontananza ho visto arrivare la barca di un pescatore di Marta. Ho atteso che si posizionasse nel punto giusto e ho scattato di nuovo. 

Secondo gli antiche popolazioni, l'essere umano non poteva contemplare direttamente le divinità celesti: poteva farlo osservando il cielo dove esse vivevano grazie a un intermediario, il riflesso sulla superficie dell'acqua. Non a caso il lago di Nemi veniva definito "lo specchio di Diana". Il cielo, la realtà riflessa in un lago ha qualcosa di magico, di misterioso, che attira il nostro sguardo e ci cattura, sin dai tempi di Narciso. Per questo, io credo, fotografare i riflessi non significa solo riprendere una realtà, ma moltiplicarla, renderla più forte.

Ora che è estate e probabilmente starai più vicino all'acqua (che sia mare o lago poco importa) prestaci attenzione, e magari - se le condizioni lo permettono - dedica del tempo a fotografare i riflessi. Di sicuro è un esercizio di grande utilità.

_____________________________________________

Se vuoi saperne di più sulla luce e le sue implicazioni pratiche e filosofiche, ti segnalo il mio ultimo ebook, un manuale ricco di informazioni e fotografie, a un prezzo piccolo piccolo.


Per avere informazioni e procedere in caso all'acquisto, 
puoi andare sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…