Passa ai contenuti principali

Come illuminare grandi ambienti con un solo punto luce (e un po' di pazienza)

L'occhio umano non ha la capacità di accumulare la luce: se la luce c'è riesce a vedere, se la luce non c'è ovviamente no (con tutte le gradazioni tra questi due estremi). Per nostra fortuna i sensori digitali (e la pellicola) invece ci riescono eccome, anche se a volte a costo di un certo aumento del rumore, specialmente quello termico.


Questa ampia galleria sotterranea, di epoca etrusca, è totalmente buia, come puoi ben immaginare. Per non portare con sé, in un ambiente dove sarebbe anche oggettivamente difficile, un intero set di lampade stile cinematografico, per illuminarla sarebbe stato necessario - sino a non molti anni fa - ricorrere alla tecnica dell'open flash. Con l'otturatore aperto si provvede a far scattare a mano un flash più e più volte, stando attenti a non entrare all'interno dell'inquadratura. Efficace, ma complesso, per non parlare della durezza di questo tipo di luce.

Oggi abbiamo molte altre possibilità, grazie alla tecnologia led. Basta rimediare un illuminatore per video, di quelli a batteria, e sfruttare la citata "accumulazione della luce": sempre con l'otturatore aperto, si "pennella" tutta la scena grazie a una tecnica affine al "Light Painting", ottenendo in questo modo un'illuminazione non solo più morbida, ma anche più naturale. 


E' quello che ho fatto per la foto della galleria. Per creare un punto luce sullo sfondo senza entrare nell'inquadratura, sono ricorso a una torcia led di quelle zoom. Tutti accessori facilmente trasportabili anche all'interno di una galleria allagata.


Altro esempio è la foto di questa antica cantina scavata nel tufo e che ha richiesto un certo lavoro per riuscire a illuminare i diversi ambienti separati da brevi corridoi. La cosa più complicata è ottenere una certa uniformità, cosa che si impara anche grazie all'esperienza. Col digitale, poi, si può vedere subito il risultato e magari rifare la foto se non è venuta bene. La tecnica è ideale con gli ambienti sotterranei, ma può ovviamente essere utilizzata in qualsiasi altro ambiente, purché non ci siano altre fonti di illuminazione (tipo una finestra). 


Con un po' di pratica potrai tranquillamente arrivare a illuminare ambienti vasti come una grotta. 

L'esigenza di tenere aperto l'otturatore per tempi anche piuttosto lunghi (in genere superiori a 30 secondi) comporta la comparsa di una certa quantità di rumore termico, come detto all'inizio. Se la scena è ben illuminata sarà comunque poco visibile, e in ogni caso facilmente eliminabile con appositi softwares. Per ridurre il problema, puoi scattare diverse foto, una dopo l'altra, illuminando solo parti della scena e utilizzando tempi di circa 10-15 secondi, e poi sovrapporre le varie foto, direttamente in-camera, oppure in postproduzione (sovrapponi i file e scegli la modalità di fusione "schiarisci" e il gioco è fatto).

_______________________________________________

Per saperne di più mi permetto di consigliarti il mio nuovo ebook dedicato alla luce
e al suo utilizzo fotografico, disponibile sia come PDF (la versione che consiglio), 
ma volendo anche come epub o kindle.


Per avere maggiori informazioni e procedere eventualmente all'acquisto, 
puoi andare sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.





Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…