Passa ai contenuti principali

I filtri ND e la coazione a ripetere

A me piace tornare nei posti. Anzi, più torno in un determinato luogo, e più sento di riuscire a ricavarne qualcosa di buono, di valido. Sarà che le prime volte, anche non volendo, uno scatta le fotografie che ritiene "utili" o "necessarie". Quelle che, successivamente, eviterà di scattare, avendole già fatte, iniziando invece a cercare prospettive diverse, nuove inquadrature, nuovi modi di rendere il soggetto. Cosa non facile quando il soggetto è relativamente univoco, tipo una cascata. Tipo la cascata Salabrone a Farnese, che avrò fotografato decine di volte. 

Sarà che ogni volta che passo lì vicino mi va di dare un'occhiata a quella che, ritengo, è la più bella cascata della Tuscia. L'ho fotografata in analogico, col foro stenopeico, in digitale, di notte, con le stelle e con le lucciole, e di giorno, col sole o con la pioggia, e poi in autunno, in primavera, in inverno e certo, anche in estate. Anche qualche giorno fa, per dire.


Il vantaggio dell'estate è che si può entrare in acqua e dunque avere una prospettiva diversa della cascata, meno frontale. Anzi, in questo caso decisamente laterale. 

Mi sono accorto che in un angolo del salto d'acqua c'erano delle canne che continuavano a roteare: una buona occasione per realizzare qualcosa di diverso. Così, con l'acqua sin quasi all'inguine, ho piantato il cavalletto e creato una sorta di "palizzata" per evitare che le canne toccassero il treppiedi facendolo vibrare. Poi ho provato a metter su il filtro ND 1000, che toglie ben dieci stop di luminosità: 40 secondi di esposizione e passa la paura. Ma mi sembravano troppi: così ho montato un ND 8 + polarizzatore, per un totale di circa 4 stop e un tempo di scatto di 5 secondi, decisamente più ragionevole, tenendo conto della lotta che dovevo fare con le canne intenzionate a colpire il treppiedi. 

Il risultato mi piace molto e anche se la foto non è un capolavoro, tuttavia rende bene l'atmosfera di quel momento, con il sole che - di mattina presto - inizia a occhieggiare dietro gli alberi. A questo punto, ho anche provato a rifare alcune fotografie col tele, che in una precedente occasione aveva portato a dei risultati intriganti.


Uscito sgocciolante dall'acqua e montato il vecchio 28-85 mm Nikkor regalatomi dal mio amico Roberto, ho stretto al massimo sulla base della cascata, per evidenziare il gioco di rimbalzi e rocce che costituisce il fascino di un luogo del genere. In questo caso ho escluso a priori l'ND 1000 e ho utilizzato direttamente l'ND 8 col polarizzatore, ottenendo un tempo di esposizione di circa 3 secondi, ampiamente sufficiente per rendere setosa l'acqua senza esagerare. 

Non credo che questa sarà l'ultima volta che fotograferò questa cascata, e tanti altri posti che - lo so per certo - possono ancora offrirmi mille possibilità di realizzare immagini che ben esprimono il mio modo di vedere la Natura. Pensate pure che io sia un abitudinario, ma la verità è che mi piace scendere in profondità, comprendere un luogo, non solo documentarlo. Non è quello che dovrebbe fare ogni fotografo?

____________________________________________


Di filtri ND e di come imparare a "vedere" la luce, tratto nel mio nuovo ebook


Per saperne di più (senza impegno) puoi andare 
sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…