Passa ai contenuti principali

"Ho visto la luce!" (e non parlo dei Blues Brothers)


Sai dirmi, in questa foto del castello di Rocca Calascio in Abruzzo, quale sia il soggetto? Dirai: è una domanda alla Catalano, tipo "di che colore è il cavallo bianco di Garbaldi"! Invece no, perché il vero soggetto non è affatto il rudere ben noto del castello che, in effetti, qui è ridotto a mera silhouette.

Il soggetto che mi ha colpito e mi ha spinto a mettere in moto le mie risorse intellettive, emotive e finanche spirituali è stata la luce.

Era una mattina di qualche anno fa e stavo girando intorno al castello cercando ispirazione. 

Non è mai facile con i soggetti sfruttati e ben noti: io stesso, come tanti altri, ho realizzato foto di Rocca Calascio con la neve, con o senza sfondo, di sera, di notte, all'alba, al tramonto, in tutte le possibili stagioni. In una occasione ho anche ottenuto di pubblicare una copertina ("I Viaggi" di Repubblica), che è sempre una bella soddisfazione. Tra l'altro si tratta di una foto in HDR che a me piace molto perché non si nota affatto che, per tener dentro tutta la gamma luminosa, sono ricorso a questo trucchetto, che allora - nel 2005 - non era poi così noto e diffuso.


Quella mattina, dicevo, gironzolavo lì attorno perché c'era una bella nebbiolina e, si sa, un castello nella nebbia è sempre un soggetto intrigante. Ma niente, le foto erano piatte e prive di forza. Ebbi l'intuizione di scendere un po' di quota, in modo da far stagliare la rocca contro il cielo e poi la vidi: la luce, intendo. Come nel film dei Blues Brothers, vedere la luce è qualcosa di straordinario. Invece di mettermi a piroettare sulle note trascinanti di James Brown, però, piantai per bene il mio cavalletto con su la fotocamera e attesi che il sole si sollevasse appena dai colli retrostanti, creando quella serie di "raggi" che emergono dietro la massa muraria della fortezza. 

L'esposizione non è stata complicata: ho privilegiato la luce, facendo una lettura spot non sulla parte più luminosa, ma appena sopra, sottoesponendo un po', dunque, ma non tanto da rendere completamente nera la parte in ombra. In postproduzione, grazie alle curve (di cui parlerò in futuro, visto che credo che con le curve si possa fare il 90% del lavoro via software), ho regolato il tutto, infine ho convertito la foto in bianco e nero e ho applicato la coloritura duotone blu/giallo, che mi sembrava la più adatta a evidenziare l'effetto luminoso. Et voilà. Il castello diventa non più "Rocca Calascio", ma il misterioso maniero dei Canterville. O qualcosa del genere.

La luce, e le ombre conseguenti, sono tutto, in una fotografia.

___________________________________________

Se vuoi saperne di più, è disponibile il mio nuovo ebook, a un prezzo piccolo piccolo. Acquistandolo imparerai molte cose e sosterrai il mio lavoro, cosa di cui ti sarò eternamente grato! :-)


Per avere informazioni sul libro e procedere eventualmente all'acquisto, 
vai sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.



Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…