Passa ai contenuti principali

"Ho visto la luce!" (e non parlo dei Blues Brothers)


Sai dirmi, in questa foto del castello di Rocca Calascio in Abruzzo, quale sia il soggetto? Dirai: è una domanda alla Catalano, tipo "di che colore è il cavallo bianco di Garbaldi"! Invece no, perché il vero soggetto non è affatto il rudere ben noto del castello che, in effetti, qui è ridotto a mera silhouette.

Il soggetto che mi ha colpito e mi ha spinto a mettere in moto le mie risorse intellettive, emotive e finanche spirituali è stata la luce.

Era una mattina di qualche anno fa e stavo girando intorno al castello cercando ispirazione. 

Non è mai facile con i soggetti sfruttati e ben noti: io stesso, come tanti altri, ho realizzato foto di Rocca Calascio con la neve, con o senza sfondo, di sera, di notte, all'alba, al tramonto, in tutte le possibili stagioni. In una occasione ho anche ottenuto di pubblicare una copertina ("I Viaggi" di Repubblica), che è sempre una bella soddisfazione. Tra l'altro si tratta di una foto in HDR che a me piace molto perché non si nota affatto che, per tener dentro tutta la gamma luminosa, sono ricorso a questo trucchetto, che allora - nel 2005 - non era poi così noto e diffuso.


Quella mattina, dicevo, gironzolavo lì attorno perché c'era una bella nebbiolina e, si sa, un castello nella nebbia è sempre un soggetto intrigante. Ma niente, le foto erano piatte e prive di forza. Ebbi l'intuizione di scendere un po' di quota, in modo da far stagliare la rocca contro il cielo e poi la vidi: la luce, intendo. Come nel film dei Blues Brothers, vedere la luce è qualcosa di straordinario. Invece di mettermi a piroettare sulle note trascinanti di James Brown, però, piantai per bene il mio cavalletto con su la fotocamera e attesi che il sole si sollevasse appena dai colli retrostanti, creando quella serie di "raggi" che emergono dietro la massa muraria della fortezza. 

L'esposizione non è stata complicata: ho privilegiato la luce, facendo una lettura spot non sulla parte più luminosa, ma appena sopra, sottoesponendo un po', dunque, ma non tanto da rendere completamente nera la parte in ombra. In postproduzione, grazie alle curve (di cui parlerò in futuro, visto che credo che con le curve si possa fare il 90% del lavoro via software), ho regolato il tutto, infine ho convertito la foto in bianco e nero e ho applicato la coloritura duotone blu/giallo, che mi sembrava la più adatta a evidenziare l'effetto luminoso. Et voilà. Il castello diventa non più "Rocca Calascio", ma il misterioso maniero dei Canterville. O qualcosa del genere.

La luce, e le ombre conseguenti, sono tutto, in una fotografia.

___________________________________________

Se vuoi saperne di più, è disponibile il mio nuovo ebook, a un prezzo piccolo piccolo. Acquistandolo imparerai molte cose e sosterrai il mio lavoro, cosa di cui ti sarò eternamente grato! :-)


Per avere informazioni sul libro e procedere eventualmente all'acquisto, 
vai sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.



Commenti

Post popolari in questo blog

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

Non è mai troppo tardi (e non è mai troppo presto): età e fotografia

Faccio un po' di outing, va, che in primavera ci sta bene. E' una riflessione che ho fatto ieri mentre salivo verso la vetta della Palanzana, a Viterbo per fare delle foto analogiche e all'infrarosso alla lecceta sommitale (le foto che ho fatto illustrano questo post).


Sulla vetta ho anche registrato il podcast che trovi qui sotto, con alcune riflessioni sul senso del tempo, che ora vorrei sviluppare in forma di diario. Per una volta parlo a te, ma parlo anche a me stesso. Anzi, forse principalmente a me stesso. Ma magari ti ci riconosci anche tu, nei miei ragionamenti.


Io non so se sono un grande fotografo, ma di certo sono un maestro in un'arte assai meno nobile, e soprattutto assai meno interessante, che è l'antica e diffusa Arte del Rammarico
La coltivo da sempre, e ovviamente col passare degli anni divento sempre più bravo e ho sempre più materiale con il quale lavorare. Il Rimpianto, infatti, si autoalimenta: puoi avere il rimpianto del rimpianto del rimpi…

La sofferenza dell'Editing

Ci sono poche cose più complesse e dolorose dell'editing, per un fotografo. Dopo mesi, o anche anni (come nel mio caso) dietro a un progetto, finalmente arriva il momento di chiuderlo, selezionare le foto, editarle e "farle uscire", con una mostra o una pubblicazione.

Detto così sembra facile, ma non lo è. Ti faccio l'esempio del lavoro che sto concludendo in questo periodo, dedicato al passato e realizzato in giro per l'Etruria meridionale grazie a fotocamere stenopeiche e analogiche "vintage". 
Un progetto iniziato nel 2012 e che sarebbe dovuto durare al massimo un paio di anni: nel 2014, in effetti, ho realizzato alcune mostre preliminari. Ma mi son subito reso conto che la mia idea iniziale ancora non aveva preso forma. Erano fotografie in cui mi riconoscevo, questo è vero, ma mancava qualcosa di importante, anche se non sapevo bene cosa.
Capita spesso ai fotografi. Se il progetto è abbastanza impegnativo, non vedono l'ora di concluderlo e così…