Passa ai contenuti principali

Gestire l'esposizione in una foto grazie alla "Combination Printing"


La vita è fatta di luci e di ombre, e così ogni scena che inquadriamo con la nostra fotocamera. Alla fin fine, l'aspetto tecnico più complicato, anche per le implicazioni creative ed espressive che comporta, è proprio l'esposizione. Saper gestire la gamma tonale, comprendere la latitudione di posa, soprattutto arrivare a conoscere e utilizzare al meglio la luce in generale dovrebbe essere una delle aspirazioni principali di ogni fotografo. 

Su questo, tra l'altro, ho predisposto un photo-ebook appena pubblicato: trovi le info in basso.

Oggi la tecnologia digitale ci offre molte possibilità che un tempo non esistevano: basti pensare all'HDR, ma anche in generale alle possibilità che mette a disposizione un software nemmeno troppo avanzato. Il miglioramento dei sensori e dei circuiti elettronici, inoltre, consente di aprire le ombre o recuperare alte luci senza troppi danni, cosa impensabile anche solo 6 o 7 anni fa. Viviamo davvero nell'epoca migliore possibile per chi ama una corretta esposizione!

Tuttavia, ci sono delle situazioni che ancora richiedono una certa attenzione, specialmente se non disponiamo di fotocamere aggiornatissime o non Full-Frame. Chi, come me, utilizza fotocamere mirrorless Micro4/3 e APS-C deve fare i conti con una gamma dinamica molto più compressa, col rischio del rumore sempre in agguato. Per questo a volte non è male tornare al passato, anche remoto: al XIX secolo, per l'esattezza. Ne parlo in questo video, intanto.


Durante gli anni eroici della fotografia, la scarsa sensibilità dei materiali, la luminosità relativa delle ottiche e anche il fatto che le pellicole erano in gran parte ortocromatiche (insensibili al rosso), rendeva quasi impossibile fotografare, ad esempio, panorami con le nuvole. I cieli erano sempre bianchicci e slavati. Ma anche la latitudine di esposizione era ridotta e, ad esempio, non si riusciva a fotografare un interno di abitazione mostrando anche quel che c'era fuori della finestra.

A questi limiti si poneva rimedio con la "combination printing": si scattavano diversi negativi (a soggetti immobili, s'intende, e con la fotocamera su cavalletto) e li si univa in camera oscura con un lavoro lungo e paziente.

L'utilizzo più comune era quello di unire un cielo correttamente esposto al relativo panorama. Visto che quest'ultimo presentava la parte del cielo praticamente nera, la faccenda non era poi così complessa. Certo, oggi, è roba di pochi minuti, basta sovrapporre i due file e poi "bucare" quello sopra con una "maschera di livello". I nostri antenati ci avrebbero invidiato molto!

________________________________________________


Clicca sulla copertina qui sopra se vuoi vedere la scheda del photo_ebook dedicato alla luce: conoscerla, amarla, comprenderla e utilizzarla al meglio. Il libro è ricco di fotografie esemplificative e commentate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…