Passa ai contenuti principali

Fotografia notturna #2

Personalmente non ho mai amato troppo le "tecniche fotografiche": c'è sempre il rischio di cadere nei cliché, nel già visto. Se le possibilità manipolatorie sono ridotte, se le varianti limitate, ecco che diventa difficile, se non impossibile, sfogare la propria vena creativa. 

C'è da dire che, il più delle volte, questo non accade: c'è sempre la possibilità di trovare un proprio modo di vedere le cose, e dunque di fotografarle. 

Questo vale anche nella fotografia notturna, e in generale in quella fatta dopo il tramonto. Se di notte vai in un luogo buio, imposti la fotocamera, con su montato un 12 o un 14 mm f/2.8 a tutta apertura, su una sensibilità tra i 1600 e 3200 Iso, e inquadri il cielo dove dovrebbe esserci la Via Lattea (verso Sud), raramente fallirai. Io sono riuscito a fare foto del genere (decenti) anche con una compatta! 

Ma questo, appunto, è il modo classico di agire. Occorre saper sfruttare invece le occasioni più varie, e anche le difficoltà date dall'inquinamento luminoso, che alla fine può essere sfruttato creativamente.


E allora diciamo che sta facendo buio, il sole è tramontato e siamo in pieno crepuscolo (è quella che molti chiamano ora blu). Intanto ne approfittiamo per fare foto come quella sopra, in luce mista. Le luci accese del paese (Volterra) danno un punto di "calore" alla scena che oramai è sprofondata nel blu. Un classico.

Nel nostro zaino fotografico avremo, oltre alla fotocamera e agli obiettivi, anche delle torce a batteria. Un tempo la scelta era limitata, oggi grazie ai led c'è davvero di tutto a disposizione del fotografo. Ti consiglio di prenderne di vario tipo, quella frontale, utile per lavorare avendo le mani libere, a quelle superpotenti e "zoom", utili per il light-painting. Io ne ho un paio anche UV (Ultravioletto) che a volte tornano utili per creare effetti "strani".


Bene, ora non resta che attendere la notte vera e propria. Ovviamente avremo scelto in anticipo i soggetti che intendiamo riprendere, e pensato a che tipo di immagini progettiamo di realizzare.

Permettimi di ricordarti che il cielo stellato (o meno, potrebbe anche essere nuvoloso) è solo uno sfondo. Molti, troppi, lo considerano il soggetto principale, e badano appena agli altri elementi. Se sei interessato all'astronomia nulla da dire, ma se sei un fotografo non dovresti dimenticare le classiche regole compositive che utilizzi durante il giorno! 

Con in più, è ovvio, la possibilità di sperimentare, e molto. La prima scelta da fare è proprio in merito alle stelle: fisse o star trails?


Per le stelle fisse la tecnica è quella ben nota che ti ho già detto (con varianti), per le star trails invece è necessario esporre la scena per tempi molto lunghi e, per evitare surriscaldamenti e problemi col sensore, si ricorre allo scatto in sequenza di centinaia di immagini, da sovrapporre grazie ad appositi software (come startrails) o con programmi tipo Photoshop. A differenza delle foto che si facevano con la pellicola, i "cerchi" delle stelle attorno alla Stella Polare non sono continui, ma poco male.

Come vedi nella foto sopra a destra, ci vuole un po' di pratica anche per illuminare, grazie al pennellamento con la torcia, i soggetti che sono davanti al cielo, che vanno scelti anche perché siano facilmente "trattabili", oltre che interessanti dal punto di vista iconografico. Sin qui, siamo nell'ambito standard.


Ma, come ti dicevo all'inizio, lo scopo di queste mie note è di spingerti a uscire dal classico seminato, come ho fatto io con la foto sopra. Scattata di notte, in una sera nuvolosa e con molto inquinamento luminoso. Non bastasse, ho anche giocato un po' con il light painting. Ti può piacere o meno, ma credo sia una foto che dimostri come, con un po' di creatività, puoi sfruttare la notte come un grande kindergarten fotografico. Buon divertimento, allora!
_________________________

... E a proposito: visto che la luce è il vero strumento creativo a disposizione del fotografo, prendi nota che uscirà ad agosto il mio nuovo libro digitale (ebook): un manuale su come utilizzare la luce per creare immagini indimenticabili.


Commenti

Post popolari in questo blog

Leggere l'istogramma di una foto (o almeno provarci)

Spesso mi viene chiesto come valutare, dal punto di vista esposimetrico, una fotografia: s'intende, già scattata. Insomma, come valutare di aver effettuato, sul campo, le scelte giuste e di non avere magari peggiorato le cose in postproduzione?

In genere rispondo sempre che, in effetti, abbiamo la possibilità di vedere quella che è (da ogni punto di vista) la "fotografia di una fotografia", cioè l'istogramma. E se la fotografia originaria ci confonde a causa del soggetto, dei colori, della composizione, l'istogramma è una "fotografia" più precisa e scientifica. Lo ammetto: è un po' (parecchio) meno affascinante!


In effetti l'istogramma rappresenta, su ascisse e coordinate di un normale piano cartesiano, ogni singolo pixel della nostra fotografia, solo slegato dalle forme del soggetto e reso come pura quantità di luce.
A seconda della sua collocazione possiamo sapere se quel punto è scuro (se è più verso sinistra) oppure chiaro (se più verso des…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

La fotografia ai tempi del coronavirus

Ci sono molti modi possibili di analizzare l'impatto che il virus dell'anno sta avendo su noi fotografi - o almeno su alcuni di noi, quelli che vivono dentro (o vicino) le aree del "contagio". Come prima impressione, potremmo dire che visto che "Il fotografo non si annoia mai", di certo la fotografia può alleviare la noia dell'eventuale quarantena. Still-lifes casalinghi, fotografie concettuali, esperimenti vari ben si prestano a trascorrere ore serene chiusi in casa, in momenti in cui la serenità tende giocoforza a latitare.
Chi poi ha la passione dell'analogico, troverà nella Camera Oscura casalinga un comodo rifugio all'assedio della malattia.
Ma non è di questo che intendo parlare. Piuttosto vorrei ragionare su come si possa mai raccontare un virus, o meglio gli effetti che può avere sugli esseri umani (a parte la malattia in quanto tale) e come tali effetti possano diventare un soggetto fotografico. Sono infatti abbastanza stupito del fatt…