Passa ai contenuti principali

Come realizzare gli ICM e perché


L'ICM (Intentional Camera Movement) è una tecnica ben nota, e oramai addirittura di moda. Diciamocelo: dal punto di vista pratico è addirittura banale. Basta muovere la fotocamera durante l'esposizione, e l'ICM è fatto. Che ci vuole?

Beh, se hai provato a realizzarne qualcuno, ti sarai reso conto che non è poi così facile ottenere dei risultati interessanti. Le variabili in gioco sono molteplici, così come i possibili movimenti: rotatorio, sussultorio, a onde, a zig zag, dall'alto verso il basso e viceversa, ecc. ecc. 

Inoltre, puoi aprire l'otturatore solo per poco (da mezzo secondo a due o tre secondi), oppure per 20-30 o più secondi. Ovviamente i risultati saranno parecchio diversi. Anche perché nel primo caso si debbono privilegiare movimenti veloci, quasi da indemoniato (non sono pochi i fotografi presi per pazzi mentre si agitavano con la fotocamera in mano!), nel secondo lenti e meditati, direi flemmatici.

Variando dunque tipo di movimento e tempo di esposizione, si otterranno anche dallo stesso soggetto fotografie molto, molto diverse. Questo è anche il bello di una tecnica affascinante, che a me piace molto e pratico abitualmente.

Partiamo col dire che il soggetto dell'ICM è principalmente la luce: è con i "punti luce" che disegni la tua foto, creando linee e aree chiare sullo sfondo delle ombre. Per questo, sebbene si possa praticare l'ICM con qualsiasi condizione, è quando c'è il sole che si possono ottenere gli effetti più intriganti. 

Ricordati di esporre per le luci, in modo da non "buciarle" e scurire al contempo le ombre, e ricordati anche che, proprio per questa scelta, dovrai spesso ricorrere a un filtro ND, in modo da allungare adeguatamente i tempi di scatto.

Con un ND 8 (-3 stop) praticherai l'ICM relativamente veloce, con un ND 1000 (-10 stop) arriverai facilmente nel campo dell'ICM lento

La foto sopra è di un soggetto classico dell'ICM: alberi e boschi si prestano per la presenza di colori generalmente piacevoli e per avere aree in ombra e aree illuminate in un settore ristretto del campo inquadrato. Il tempo di scatto è stato di 1/6 di secondo (nonostante l'ND 8 montato sull'obiettivo, a diaframma  f/9 su Olympus Micro4/3), perciò ho mosso la fotocamera in modo molto veloce, seguendo l'andamento di un tronco. 

Di primo acchitto potrebbe non sembrare, ma ottenere l'effetto che vedi è stato tutt'altro che semplice, e ha richiesto pazienza e decine di foto scartate. Non è un caso che l'ICM abbia raggiunto il successo solo col digitale (sebbene io lo praticassi anche prima, sulle diapositive): si può vedere subito il risultato e ripetere la foto fino a ottenere quel che si desidera, e si può scattare a cuor leggero, senza spendere una fortuna in rullini.

Come sempre, la tecnica è nulla senza ispirazione, perciò ti consiglio di fare molte prove, ogni volta che ne hai l'occasione e variando tutte le possibili condizioni di ripresa, ma poi - una volta acquisita la necessaria pratica - cerca di non fare dell'ICM un semplice giochetto o trucco da due soldi, ma di utilizzarlo perché vuoi ottenere un'immagine che racconti qualcosa di te, delle tue emozioni, delle tue idee.

Io, ad esempio, ho realizzato la foto sopra durante la lavorazione del mio progetto sugli alberi e i boschi ("Lucus"): cercavo un'immagine che dicesse "albero" senza mostrare la specie o un albero specifico. L'ICM mi è sembrata la tecnica più utile per conseguire il risultato che cercavo.

_________________________________________


Se vuoi saperne di più sulla luce e su come utilizzarla in modo creativo, vorrei consigliarti
 il mio nuovo manuale dedicato a questo tema, disponibile come ebook a un prezzo piccolo piccolo.


Per avere informazioni e in caso procedere all'acquisto, 
puoi andare sul mio sito cliccando sul pulsante qui sotto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

E poi dice che uno butta la fotocamera e si compra uno smartphone (di qualità)

Il nuovo Huawei P30 (anche nella versione Lite) promette meraviglie dal punto di vista fotografico. Può darsi. Intanto, visto che il mio amico Roberto ha approfittato di un'offerta per acquistare un "vecchio" P20, gli ho chiesto di mandarmi un file RAW (DNG) scattato con la "bestia", cosa che puntualmente ha fatto.
Ho aperto il file in Lightroom e l'ho convertito in jpeg con pochi tocchi di curve giusto per sistemare il contrasto. Incredibile. 
Il file è pulito e nitido, senza traccia di rumore e con una definizione pazzesca per un "telefono" soprattutto considerando che stiamo parlando di 40 megapixel, in pratica un file stampabile nel formato 60x50 cm ( a 300 dpi) senza nessuna interpolazione!

La cosa che colpisce è proprio la pulizia del file, che nelle ombre ha dei passaggi di tono morbidi e precisi: lavorando un po' il file non c'è alcun motivo per non poterlo stampare nel formato 70x100 cm senza perdite di qualità. Che è una prestaz…

10 modi per scattare fotografie davvero (ma davvero) belle

Una premessa importante: sono in modalità cazzeggio. Una seconda premessa importante: non esistono fotografie belle. Prendi la foto più figa che ti viene in mente, che so "Migrant Mother" della Lange, o "Moon over Hernandez" di Adams, e pensa: non sono affatto belle. Ma proprio per niente.
Come sosteneva Nietzsche, "conoscere una cosa come bella, significa necessariamente conoscerla nel modo sbagliato". Una foto può essere efficace, significativa, comunicativa, emozionante o qualsiasi altro aggettivo ti venga in mente, ma bella no. 

Perché il concetto di bellezza è strettamente personale (il classico "non è bello quel che è bello, ma quel che piace"), perché varia nel corso del tempo (e basta vedere come sono cambiate le modelle dei fotografi, o come fotografie considerate capolavori ai primi del XX secolo, oggi siano completamente dimenticate) e infine perché il bello è un concetto vago, indefinibile e come tale inutile: è bello il soggetto an…