Passa ai contenuti principali

Come gestire la luce

Detta così, come nel titolo, la faccenda sembra un po' troppo grossa. Solo in condizioni controllate, in studio, possiamo davvero "gestire" la luce, ma all'aria aperta è già un lusso se possiamo almeno riuscire a gestire bene l'esposizione


Ci pensavo proprio qualche giorno fa durante un'uscita fotografica in un insediamento rupestre qui, nella Tuscia (provincia di Viterbo). Ero intenzionato a scattare alcune fotografie di documentazione e anche alcune foto analogiche "alternative" per un mio progetto in corso (a onor del vero quasi terminato). Ora ne parliamo.

Come puoi vedere, la situazione ripresa presentava una gamma piuttosto ampia di illuminazioni, dal quasi buio della zona in fondo sulla destra (che ho illuminato con un faretto a led) sino alle alte luci delle pareti che affacciano verso l'esterno.

Con tutta la buona volontà, non era facile evitare di "pelare" le alte luci e nel contempo mantenere leggibili le aree in ombra. Oltre a ridurre il contrasto col citato faretto, ho accuratamente calcolato l'esposizione, spingendo le alteluci al limite, senza che le ombre si chiudessero al punto che, in postproduzione, diventasse impossibile aprirle un po'. Come vedi, ha funzionato.

In altre situazioni sono ricorso alla tecnica di combinare due scatti (ne parlerò in un prossimo post), ma stavolta non è stato necessario.

Quando ti trovi davanti una scena con problemi simili, ragiona come farebbe un disegnatore che deve riportare su un foglio bianco una scena che ha davanti. Ne parlo in questo video.


Visto che mi trovavo nell'ipogeo per realizzare delle foto analogiche, ho dovuto affrontare un simile problema esposimetrico anche con la fotocamera che avevo con me, decisamente atipica: una vecchia Hamaphot P56 in bachelite degli anni '50 a cui ho sostituito l'obiettivo con quello tolto a una Holga, caricata non con la normale pellicola bianco e nero, ma con carta fotografica bianco e nero, vintage anch'essa: sono infatti venuto in possesso grazie al mio amico Enzo Valentini di un prezioso pacco di carta Ferrania Vega di circa 40 anni fa.

In pratica taglio a misura la carta e la inserisco nella fotocamera. Dopo ogni scatto debbo sostituire il "fotogramma" grazie a una "changing bag" (camera oscura portatile). La carta bianco e nero ha una sensibilità assai bassa (6 Iso), mentre l'obiettivo è un f/11 (ho modificato anche il diaframma, in origine era un f/8). Inoltre è ortocromatica e non pancromatica: cioè non è sensibile al rosso, il che a volte crea dei problemi. Il tufo delle pareti dell'ipogeo ad esempio è rossastro, e di questo va tenuto conto. Per farla breve, ho stimato un'esposizione di circa 2 minuti. Alla fine, è risultato corretto.


L'inquadratura è molto meno grandangolare, ma a me piace. Come vedi, anche in questo caso sono riuscito a contenere il contrasto, facilitato però dal fatto che appunto non erano inquadrate le parti più scure della scena. Sicuramente avrei avuto problemi, in tal caso. Ma era solo per dimostrarti che la gestione dell'esposizione è l'arma più potente che ha a disposizione il fotografo e spesso - purtroppo - è anche la fonte di molti fallimenti!

________________________________________

Uscirà ad agosto il mio nuovo libro dedicato appunto alla luce: un manuale completo e ricchissimo di esempi pratici, con numerose foto commentate. Sarà disponibile sul mio sito in PDF e su altre piattaforme nei formati epub e kindle.


Commenti

Post popolari in questo blog

Di fotografia non avete capito niente (la gran parte delle volte)

Considerare la fotografia come un fatto puramente tecnico, come la sommatoria di competenze di base (esposizione, composizione, regole, regolette) e competenze avanzate (modelli di fotocamera, obiettivi, softwares e compagnia bella), è esattamente come considerare alla stessa stregua un manuale di ingegneria meccanica e la "Divina Commedia" di Dante. Se devi costruire un aeroplano magari è più utile il primo, ma se devi esprimere delle emozioni e delle idee non serve a una beneamata cippa.

Eppure navigando online, sui social in particolar modo, sembra che sia solo questo l'aspetto importante. Si vedono fotografie che (scusate il francesismo) fanno letteralmente cagare elevate a "capolavori" da folle vocianti sulla base di un solo, unico elemento: la tecnica di scatto. 
Ora che è estate e tanti si dedicano alla fotografia notturna, è un proliferare di immagini con vie lattee su panorami improbabili, scene dove le stelle svettano su cieli arancioni per l'inq…

Quali sono i fotografi più sopravvalutati della storia?

Chi sostiene sia Steve McCurry, che poi alla fine ha anche taroccato le foto con Photoshop, pirla! Altri sostengono che sia Berengo Gardin, o anche Fulvio Roiter: eche palle con questa Venezia
Che poi lo sanno tutti - e dài! - che Giacomelli le foto le faceva tutte mosse, e pure Cartier-Bresson, che poi ci faceva il furbo su, sostenendo che "la nitidezza è un concetto borghese"! Prima spende un sacco di soldi per le sue Leica e poi ci scassa i cosiddetti con questa saggezza da quattro soldi, ma a chi vuol prendere in giro?

Magari ti ci riconosci, in uno di questi commenti (spero di no), ma resta un fatto: che molti sono convinti che il modo più semplice  per sentirsi meno piccoli non è crescere, ma rimpicciolire gli altri. Segare le gambe a Gulliver, sputtanare il genio e ridimensionare le sue opere, alzare le spalle guardando le foto del maestro di turno esposte in una mostra o in un libro sospirando "mah, in fondo non mi sembrano granché". Di certo è un autore…

Come abbiamo potuto permetterlo? Ovvero: la solita lamentela pallosa!

Quando ero giovane io, noi ammiravamo i professionisti. Fotografi professionisti, intendo. Non solo i grandi nomi, quelli famosi, fighissimi e intervistati da ogni rivista fosse possibile rimediare in edicola (all'epoca, ce n'erano tante di riviste che trattavano di fotografia). 
No, parlo anche di quelli che semplicemente riuscivano a mettere insieme il pranzo con la cena grazie ai loro scatti: che fossero ritratti, cerimonie, cataloghi di prodotti o paesaggio o altro non importava. Era quella cosa lì che ti stuzzicava e ti riempiva di ammirazione: che campassero (magari male) grazie alla fotografia!

C'era anche una sorta di rispetto: loro - i professionisti, ma anche i fotoamatori "seri", quelli che dedicavano tempo ed energie a questa passionaccia - erano la fotografia. Bravi o meno, erano comunque i profeti di questa arte magica e affascinante. Quando in una discussione tra amici fotografi interveniva un professionista o un fotoamatore riconosciuto... beh, t…